Federbalneari a fianco del Samsara, sostegno nella battaglia legale

Il direttivo di Federbalneari ha deliberato all'unanimità un rafforzamento al supporto legale agli associati del Samsara nella vicenda relativa alla decadenza della concessione

LECCE – Il direttivo di Federbalneari ha deliberato all'unanimità un rafforzamento al supporto legale agli associati del Samsara nella vicenda relativa alla decadenza della concessione per lo stabilimento balneare, proponendo un atto di intervento ad adiuvandum. L'Associazione di categoria degli stabilimenti balneari “Federbalneari Salento”, con il presidente Mauro Della Valle, è assistita dagli avvocati Leonardo Maruotti e Francesco Romano, del Foro di Lecce. Federbalneari aderisce pienamente alle tesi della società ricorrente, rappresentata e difesa dagli avvocati Andrea Sticchi Damiani e Danilo Lorenzo.

In particolare, Federbalneari Salento ha proposto l’intervento poiché intende tutelare le ragioni di uno degli stabilimenti balneari più famosi d’Italia (che ha consentito alla città di Gallipoli di diventare la meta turistica tra le più attrattive in Italia) e che a suo avviso ha sempre agito nel pieno rispetto delle regole. Inoltre, l’associazione intende evitare che il provvedimento di decadenza impugnato possa diventare un pericoloso precedente per tutti gli altri stabilimenti balneari salentini. Tutto ciò porterebbe, infatti, a sconvolgere un intero comparto turistico, limitando la libertà di Impresa, compromettendo di certo il percorso del distretto turistico, tanto auspicato da tutta la comunità salentina. Federbalneari ha inviato circa due mesi fa ai massimi vertici amministrativi Regionali una nota di chiarezza ed approfondimento per una severa sanzione che rischia di cancellare una delle Imprese Balneari più importanti nel panorama turistico nazionale.

“Il Salento - commenta Federbalneari –appena 15 anni fa veniva confuso con il Cilento, terra altrettanto attraente. I grandi sacrifici di tutti, istituzioni, pubblico, privati, hanno determinato per il Salento, in maniera veloce, di essere molto apprezzato diventando un indiscutibile modello, un brand. Un territorio che è riuscito a riscattarsi. L'agricoltura pian piano in primis con l'enologia ha raggiunto i migliori mercati mondiali, costruendo una filiera di pregio e soprattutto irriproducibile. Il mare del Salento invece ha rappresentato negli ultimi decenni – grazie alla valorizzazione dei servizi connessi alla vacanza, al tempo libero, al relax – l'alternativa”. 

In questo contesto, ben 15 anni fa, nasceva l'attuale Federbalneari Salento (con un nome diverso e cioè Club turismo Salento) con l'ambizione di rappresentare le legittime aspettative delle Imprese balneari in sinergia con le Comunità locali, Istituzioni, cioè con ogni portatore di interesse a beneficio della gente del Salento. In 15 anni Federbalneari ha raggiunto un importante, e soprattutto responsabile, ruolo di rappresentanza, sempre con la bussola rivolta ad un interesse equilibrato al rispetto delle regole scritte, non sempre chiare e, talvolta, interpretabili. Queste numerose regole, per l'uso del demanio, per decenni sono e continueranno ad essere trattate con lo steso metodo, ossia attraverso l'Ordinanza balneare regionale.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colto da malore al volante, fa a tempo ad accostare ma poi muore

  • Si recide l'arteria radiale del polso potando i suoi ulivi: 67enne muore dissanguato

  • Agenzia funebre nel mirino: data alle fiamme da ignoti, del tutto distrutta

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

  • Mafia, droga e spari all’ombra delle “Vele”, chieste condanne per due secoli e mezzo

  • Carabiniere ubriaco in contromano, causa incidente con una vittima: “Mi sentivo sobrio”

Torna su
LeccePrima è in caricamento