Domenica, 13 Giugno 2021
Cronaca

Caso "siriani", Riesame respinge richiesta di arresto. Corretta la decisione del gip

Fu corretta la decisione del gip Carlo Cazzella di scarcerare, in sede di convalida dell’arresto, i cinque cittadini stranieri (quattro siriani e un iracheno) arrestati a metà febbraio perché trovati in possesso di documenti d’identità falsi. A stabilirlo i giudici del Tribunale del Riesame

LECCE – Fu corretta la decisione del gip Carlo Cazzella di scarcerare, in sede di convalida dell’arresto, i cinque cittadini stranieri (quattro siriani e un iracheno) arrestati a metà febbraio perché trovati in possesso di documenti d’identità falsi. A stabilirlo i giudici del Tribunale del Riesame (presidente Silvi Piccinno, relatore Antonio Gatto), che hanno rigettato l’appello presentato dalla Procura.

I cinque camminavano lungo la litoranea che collega le marine di Andrano e Castro. Una strada spesso battuta da migranti, approdati sulla costa salentina in cerca di speranze e futuro. I carabinieri della compagnia di Tricase individuarono 17 persone,  sicuramente sbarcate poco prima sul litorale di Marina di Andrano. Cinque di loro, maschi adulti di età compresa tra i 19 e i 43 anni, esibirono quattro carte d’identità rumene e una patente di guida della Repubblica Ceca, intestate a nominativi di chiara origine di quei paesi.

Il particolare che attirò l’attenzione dei militari fu che nessuno dei possessori dei documenti parlasse la lingua dei paesi d’origine dei documenti. Pertanto i militari controllarono i documenti con l’ausilio delle strumentazioni del Reparto operativo (lampada di wood che evidenzia le informazioni latenti dei documenti genuini, quali codici alfanumerici, immagini e ologrammi). Gli esami evidenziarono che le carte d’identità erano palesemente false, mentre la patente della Repubblica Ceca, benché autentica, ritraeva l’effige di un soggetto, trovato in possesso di un passaporto iracheno e un tesserino militare. I cinque quindi, su disposizione della Procura della Repubblica di Lecce, furono arrestati con l’accusa di possesso e fabbricazione di documenti falsi, falsa dichiarazione sulle proprie identità e ricettazione. Il gip, pur convalidando l’arresto, ne dispose la liberazione affidandoli all’ufficio immigrazione. La sera del 18 febbraio i cinque si allontanarono dal centro don Tonino Bello di Otranto facendo perdere le proprie tracce.  

La Procura di Lecce (del fascicolo è titolare il pubblico ministero Giuseppe Capoccia) ha poi presentato appello contro la scarcerazione dei cinque mediorientali, che potrebbero aver già lasciato l’Italia e che sono di fatto irreperibili. Una scarcerazione che ha suscitato dubbi e polemiche. Molti, secondo l’accusa, gli elementi sospetti a carico dei cinque. Da una perizia eseguita (pochi giorni dopo la scarcerazione) sui telefoni cellulari e su alcuni supporti in loro possesso, sono state estrapolate immagini e video di armi e combattimenti. Vi sono poi documenti e bonifici che gli inquirenti ritengono sospetti e interessanti sotto il profilo investigativo. Il sospetto è che non si tratti di semplici migranti ma soggetti legati in qualche modo a gruppi terroristici e fondamentalisti.

Secondo i giudici, però, non può essere contestato il reato di ricettazione (relativo ai documenti) perché commesso all’estero e non sussistono le esigenze cautelari. Per il possesso di falsi documenti di identificazione, inoltre, non è prevista la custodia cautelare preventiva e “allo stato – scrivono i giudici – non può certamente prevedersi l’applicazione, nei loro confronti, di una pena “in concreto” superiore a due anni di reclusione”. Riguardo alle immagini e ai video trovati sui cellulari di due degli indagati (un 18enne e un 21enne siriano) che “raffigurano uomini armati, un uomo ucciso a morte violenta e delle armi”, i giudici evidenziano come il consulente della Procura abbia affermato che “al momento non è possibile georeferenziare le immagini e stabilire con precisione se si tratta di immagini provenienti da scatti fotografici prodotti dal dispositivo che si analizza o aventi origine diversa”. “Sostanzialmente – scrivono i giudici – non è possibile affermare che le immagini in questione siano state riprese dai dispositivi sottoposti a sequestro o meramente trasferite da altri dispostivi o da Internet”. Per il Riesame non si può affermare che le immagini “si riferiscano certamente a gruppi terroristici di matrice islamica”. È condivisa, inoltre, la considerazione del gip secondo cui “appare irragionevole pensare che eventuali terroristi arabi giungano in territorio italiano in condizioni precarie e a bordo di una piccola imbarcazione di fortuna, correndo l’elevatissimo rischio di perire durante il tragitto”. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caso "siriani", Riesame respinge richiesta di arresto. Corretta la decisione del gip

LeccePrima è in caricamento