Forzano l'ingresso del bar Ip con un piede di porco e rubano pure le caramelle

Hanno svuotato gli scaffali, i malviventi che intorno alle 4 del mattino si sono presentati presso l'area servizi all'ingresso di Castro. Schema identico a quello di due anni addietro, hanno preso merce per circa 2mila euro. Sul posto sono intervenuti i carabinieri. Acquisiti i filmati

La stazione di servizio derubata.

CASTRO – Stesso posto, un anno dopo. Erano circa le 4 del mattino quando tre malviventi si sono affacciati presso l’area servizi Ip gruppo Api all’ingresso di Castro, lungo la strada provinciale per la frazione di Vignacastrisi.

La banda, che ha ovviamente agito con cappucci in testa per evitare il riconoscimento delle videocamere di sorveglianza, è arrivata all’interno del parcheggio a bordo di una vettura di tipo station wagon, quasi certamente rubata. Un modello d’auto capiente, utile proprio per questo genere di furti, dovendovi caricare a bordo merce d’ogni genere.

Il veicolo non è stato usato come “ariete”, secondo uno schema in effetti ultimamente sempre meno impiegato. I ladri, piuttosto, hanno usato un meno invasivo piede di porco per forzare l’ingresso del bar della stazione di servizio. Una volta all’interno, in pochi minuti, hanno caricato a bordo del veicolo confezioni di caramelle, gratta e vinci e stecche di sigarette, per un valore di circa 2mila euro. Poi si sono dileguati nella notte, facendo perdere le tracce.

Sul posto sono intervenuti i carabinieri della stazione di Spongano e della compagnia di Tricase per le indagini. Le telecamere hanno immortalato tutte le fasi, dall’arrivo, all’effrazione, fino alla fuga. Tutto, come sempre, consumatosi in una manciata di minuti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La stazione di servizio di proprietà di Antonio Ciullo fu vittima di un caso analogo nel settembre del 2012. I ladri anche quella volta si presentarono in tre (un quarto li attendeva in auto e forse oggi è avvenuta la stessa cosa), pressappoco alla stessa ora e rubarono merce per un valore simile a quello di oggi. Insomma, un film già visto (persino il periodo, quasi lo stesso), talmente simile che vien voglia di pensare che possa trattarsi degli stessi individui.          

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento