Misteriosa "caduta": resta incastrato nel pozzetto di una villetta

Un vero e proprio giallo. Il fatto a Castro, ma il soggetto è un 26enne di Monteroni di Lecce. Sul posto i carabinieri del Norm e i vigili del fuoco. Si sospetta che cercasse qualcosa e che non fosse solo

Castro, via di Mezzo.

CASTRO – Sono stati i carabinieri del Norm di Tricase a richiedere l’intervento dei vigili del fuoco. Sono giunti con una squadra da Maglie. Difficile riportare quel giovane in superficie. Non ferito, ma comunque inesorabilmente incastrato all’interno di un pozzetto profondo un paio di metri e non più largo di 60 centimetri. Una situazione claustrofobica, e non per dire.

Resta però un velo di profondo mistero sulla vicenda. Perché lui, un 26enne di Monteroni di Lecce, non avrebbe fornito indicazioni particolari sul motivo per cui si trovasse nel giardino di un’abitazione privata, a tarda ora. E in una località, Castro (questo l’aspetto più particolare), distante una cinquantina di chilometri dal suo luogo di residenza.

Ovviamente, non è chiaro nemmeno come mai sia "precipitato" in quel pozzetto. Il sospetto (ma resta tale) è che l’abbia aperto di proposito e che si sia calato all’interno. Non riuscendo, però, più a risalire.

Il fatto è avvenuto poco prima delle 22 in via di Mezzo, una strada che se da un lato porta verso il centro, dall’altro conduce nelle campagne. Non il classico luogo frequentato da turisti e visitatori della Perla del Salento, per intendersi. La villetta, peraltro, al momento risulta disabitata. E alcuni vicini, sentendo strani rumori e voci, ma anche invocazioni di aiuto, hanno pensato che potesse essere in atto un furto in abitazione.

Ma al loro arrivo, i carabinieri hanno trovato il giovane monteronese incastrato in quel luogo insolito e solo con l’intervento dei vigili del fuoco si è riusciti a estrarlo. La circostanza e le risposte vaghe hanno giocoforza insospettito i militari. I quali hanno pensato due cose: uno, che a Castro non fosse arrivato da solo e, due, che potesse essere in cerca di qualcosa, all’interno di quel pozzetto. Che, però, ispezionato, è apparso vuoto. E semmai ci fosse qualcuno, con lui, si sarà dileguato prima dell'arrivo dei carabinieri. Alcuni cittadini avrebbero visto fuggire almeno un paio di persone, ma per ora non vi sono certezze.

Il 26enne è stato identificato e poi trasportato in ospedale, al "Panico" di Tricase, da un'ambulanza del 118, per accertamenti. E la vicenda, per ora, si chiude così, con un’ambiguità di fondo su quanto realmente avvenuto. Tanto più che - alla luce dei fatti attuali - potrebbe essere semplicemente contestata una violazione di domicilio, ma solo su denuncia di parte dei proprietari della villetta. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si recide l'arteria radiale del polso potando i suoi ulivi: 67enne muore dissanguato

  • Cade da un'altezza di dieci metri praticando il parkour: 16enne in gravi condizioni

  • Agenzia funebre nel mirino: data alle fiamme da ignoti, del tutto distrutta

  • Colto da malore al volante, fa a tempo ad accostare ma poi muore

  • Travolto da un’auto sulla litoranea di Santa Cesarea Terme: grave un ciclista

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

Torna su
LeccePrima è in caricamento