rotate-mobile
Giovedì, 27 Gennaio 2022
Cronaca Ugento

"Cavaleonte": parco multifunzionale nell'area Burgesi

Ammesso a finanziamento il progetto del comune di Ugento che prevede il risanamento e il riutilizzo per finalità sociali ed ambientali delle cave estrattive: in ballo sovvenzione da 900mila euro

UGENTO - Sì al progetto "Cavaleonte" del comune di Ugento: con determinazione del 26 gennaio 2011, il dirigente del servizio risorse naturali della Regione Puglia ha approvato la graduatoria provvisoria dei progetti presentati nell'ambito dell'avviso pubblico comprendente interventi finalizzati al recupero ambientale delle cave dismesse. L'amministrazione comunale ugentina saluta con soddisfazione il riconoscimento del finanziamento pari ad euro 998mila euro che, se confermato in sede di stesura della graduatoria definitiva, consentirà di realizzare il progetto denominato: "Cavaleonte: il parco multifunzionale delle cave".

L'iniziativa prevede il risanamento e il riutilizzo ecosostenibile per finalità sociali ed ambientali delle ex-aree estrattive site in località "Burgesi". Queste cave, da sempre identificate dalla collettività quale emblema di aree degradate, sfregiate dal traffico e dallo smaltimento illegale di rifiuti, sono state oggetto di bonifica dai rifiuti presenti e rimozione del materiale contaminato, dopo essere state acquisite alla titolarità pubblica. La zona oggetto di intervento comprende aree di estrazione, aree pinetate e formazioni carsiche di origine naturale.

In particolare, il progetto, per un importo complessivo di un milione di euro, prevede la realizzazione di un centro di addestramento e polo formativo per le unità cinofile dei Vigili del Fuoco, della Protezione Civile e di altri corpi di sicurezza dello Stato. In tutta la Regione Puglia si riscontra l'assenza di un centro con queste caratteristiche, atteso che, in Italia esistono solo due centri simili (Volpiano e Campobasso).

Inoltre si vuole attrezzare un'area eventi, ricavata all'interno della cava, destinata ad ospitare eventi culturali e didattici all'aperto, quali concerti, rappresentazioni teatrali, raduni dei corpi di sicurezza, manifestazioni legate al settore della cinofilia da soccorso, attività per le scuole collegate alla promozione del limitrofo Parco naturale regionale. E ancora si vuole realizzare un percorso naturalistico/ricreativo attrezzato per la valorizzazione delle peculiarità ambientali del Parco delle cave delimitato da staccionate in legno con pannelli informativi multilingue e piccole isole ecologiche in legno.


Infine, la creazione di uno specchio d'acqua per il recupero e ricovero delle tartarughe acquatiche americane Trachemys al fine di ridurre gli impatti negativi provocati dal commercio e dall'abbandono di tali testuggini nelle aree umide, nelle paludi e nei canali della Regione Puglia e del Parco Naturale Regionale "Litorale di Ugento".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Cavaleonte": parco multifunzionale nell'area Burgesi

LeccePrima è in caricamento