Lunedì, 14 Giugno 2021
Cronaca Via Roma

“Preso a pugni e coltellate, ma non so perché”: misteriosa aggressione

L'episodio risale a qualche notte addietro e si è consumato nel pieno centro di Cavallino. La vittima, un 49enne, medicata dal 118, ma con ferite lievi e ha rifiutato il ricovero. Indagano i carabinieri della stazione locale

CAVALLINO – Quell’uomo è sbucato dal buio, gli ha rifilato un pugno in pieno volto, poi ha estratto un coltello e ha ulteriormente infierito provocando dei tagli sulle braccia, sebbene senza affondare la lama. E senza nemmeno mai proferire una singola parola. Questo, almeno, stando al racconto di un 49enne di Cavallino ai carabinieri. Una ricostruzione per il momento del tutto sommaria, avvenuta a margine dell’episodio, anche perché, a distanza ormai di diversi giorni dall’episodio, non è stata ancora formalizzata una denuncia in caserma.

La vicenda risale alle prime ore di venerdì 28 agosto e ha avuto come scenario il cuore di Cavallino, il tratto fra via Roma e via Caprarica, quindi non lontano dal Palazzo Ducale. Pieno centro, dunque, ma in giro non c’era nessuno, anche perché tutto sarebbe avvenuto attorno 3 di notte. Sempre stando alla ricostruzione del 49enne, mentre questi stava rincasando a piedi, sarebbe spuntato all’improvviso da una via laterale quel malintenzionato, incappucciato, che, senza andare per il sottile, senza nemmeno fornire una singola motivazione, l’avrebbe aggredito di sorpresa. Prima avrebbe rifilato il violento pugno, stordendolo, poi avrebbe estratto un coltello.

Il 49enne è rimasto ferito fra braccia e spalle, dato che si sarebbe protetto per istinto dai fendenti che, comunque, non sono stati indirizzati in modo tale da provocare lesioni profonde. Poi, così come sarebbe comparso dal nulla, il misterioso aggressore si sarebbe allo stesso modo dileguato. Forse, raccolto da qualche complice in auto nelle vicinanze, forse semplicemente fuggendo a piedi nel dedalo di vie circostanti.

All’uomo frastornato e ferito, rimasto solo nella penombra, non è rimasto altro da fare che chiamare il 118. Un’ambulanza ha raggiunto il luogo indicato e i sanitari hanno medicato l’uomo, rilevando come i tagli non fossero comunque particolarmente gravi. Il 49enne, peraltro, ha rifiutato anche il trasporto in ospedale, ma, data la dinamica, così come narrata, sono stati chiamati i carabinieri per un approfondimento.

I militari della stazione locale, dunque, hanno ascoltato l’uomo il quale, però, non ha saputo riferire molto. L’aggressore sarebbe una persona a lui sconosciuta e, in ogni caso, il 49enne, soggetto noto alle forze dell'ordine, non è stato in grado di fornire un motivo per cui qualcuno dovesse avercela con lui, ritenendo, persino, che possa essere stato vittima di uno scambio di persona. L’episodio, di certo, appare inquietante e forse sarà difficile chiarire la vicenda in ogni aspetto, anche perché all'assenza di testimoni diretti, si aggiunge il fatto che, nel punto in cui tutto si sarebbe consumato, non semba che vi siano videocamere. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Preso a pugni e coltellate, ma non so perché”: misteriosa aggressione

LeccePrima è in caricamento