menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Banda di ladri tenta razzie in cinque abitazioni in un solo pomeriggio

E' successo domenica scorsa fra Cavallino (tre colpi) e Lequile (due). Un paio sono riusciti. Sui casi indagano i carabinieri

LECCE – Inizia agosto e tornano a riaffacciarsi i topi d’appartamento. Ci sono stati ben cinque episodi, domenica scorsa, 2 agosto, di furti in case (solo un paio, però, effettivamente consumati) e hanno riguardato due comuni dell’hinterland di Lecce, divisi fra loro da appena dieci minuti di strada: Cavallino e Lequile. Facile intuire come ad agire sia stata sempre la stessa banda, composta da uomini camuffati che si muovono con un’auto station wagon. Questo, almeno, emerge da testimonianze e da alcuni video ora in mano agli investigatori.

Perché abbiano scelto una domenica, di primo pomeriggio, è altra questione di facile intuizione. Si approfitta delle giornate di libera uscita delle famiglie, verso le località di mare e le residenze estive, per chi ne dispone, e ci si aggira così in comuni semideserti a caccia di facile malloppo. Armati di tutti gli attrezzi necessari, i ladri hanno “visitato”, o anche solo tentato di farlo, tre abitazioni di Cavallino e due di Lequile, tutte peraltro in pieno centro, riuscendo in qualche caso a oltrepassare anche pesanti porte blindate. Bottino delle razzie: monili e gioielli, gli unici oggetti a cui i furfanti sembrerebbero interessati.

La tecnica impiegata, quella consueta: citofonata per sincerarsi che un appartamento sia davvero vuoto e poi spazio a piedi di porco e cacciaviti per farsi strada, mettere a soqquadro tutto, e passare all’obiettivo successivo. Una volta rientrati in casa, i vari proprietari hanno così fatto le brutte scoperte, vedendosi costretti a chiamare i carabinieri. Le denunce sono state sporte presso le rispettive caserme di Cavallino e Lequile e ora sui casi sta indagando la task force per i reati predatori composta da uomini della sezione operativa dei carabinieri della compagnia di Lecce.

Sembra evidente, quindi, come siano diverse le bande in azione, dedite allo stesso tipo di “attività”. Il 21 luglio scorso, a Tricase, tre giovani sono stati sorpresi e arrestati dai carabinieri di Tricase nel pieno di un furto in un appartamento, ma questo non sembra aver scoraggiato altri dal proseguire sulle stesse orme. Altri colpi erano stati segnalati in precedenza fra Salice Salentino e Porto Cesareo, così come nella zona di Presicce-Acquarica.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Salento da zona gialla: 81 nuovi casi ogni 100mila abitanti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    La questura informa: proroga permessi di soggiorno

  • Cucina

    Trìa, pasùli e mùgnuli: la ricetta della signora Laura

  • Fitness

    Rassodare il seno, ecco gli esercizi da fare

Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento