Cronaca

Ceffoni tra due famiglie durante la cena del matrimonio, denunciati in sei

Surano: un 53enne con la moglie 50enne e il figlio 24enne di Casarano da una parte, una coppia di persone di 54 e 55 anni, di Taurisano dall'altra, e in più un altro giovane di 29 anni, sono stati portati in caserma. Troppo vino e sono riemerse forse vecchie ruggini. Nessun ferito grave

@TM News/Infophoto

SURANO – Tra moglie e marito non mettere il dito, recita l’adagio popolare. Il guaio è che alcuni invitati a un matrimonio, ieri pomeriggio, ci hanno messo proprio le mani. E per suonarsele di santa ragione. Anche se alla fine i sanitari del 118 non hanno dovuto trasportare nessuno in ospedale. Se la sono cavata tutti quanti con piccole lesioni medicate sul posto.

Ma se nessuno è finito nel nosocomio, ben in sei sono stati dirottati presso la caserma dei carabinieri di Nociglia, nel tentativo di chiarire gli aspetti della vicenda. E alla fine, per tutti la rissa inscenata ha tatto scattare la denuncia a piede libero. 

Si tratta di persone delle zone di Taurisano e Casarano, legate fra loro da vincoli di parentela, che, complice anche qualche immancabile bicchiere di vino di troppo, hanno iniziato ad alzare la voce e ad accapigliarsi. Chissà forse qualche vecchia ruggine mai sopita, che potrebbe aver generato a sua volta qualche sberleffo non digerito. I motivi non sono del tutto chiari e dall'altro canto diversi fra i protagonisti sono salentini, ma residenti in Svizzera.

Tant’è, alla fine dalle parole si è arrivati fin troppo presto ai fatti. E quando sono volati i ceffoni, più di qualcuno si sarebbe messo di traverso per cercare di riportare la calma, mentre altri hanno pensato bene di chiamare i carabinieri. La situazione davvero non stava assumendo una bella piega.

Il giorno più bello di una coppia di sposini, dunque, in via di celebrazione presso il ristorante “Re dei Re” di Surano, ha avuto così un epilogo inatteso e non certo desiderato. In sala, seduti ai tavoli, fra gli ospiti c’erano due famiglie, una di Casarano, composta da un 53enne con la moglie 50enne e il figlio 24enne. In particolare dall’uomo sarebbe partito un diverbio con l’altra famiglia, una coppia di persone di 54 e 55 anni, di Taurisano, cugini dello sposo, e da qui la nascita di un mezzo parapiglia in cui è finito in mezzo anche un 29enne, anche questi taurisanese.

Quando sul posto, intorno alle 19, sono arrivati i carabinieri di Nociglia, competenti per territorio, accompagnati da altre due pattuglie di stazioni vicine, da Scorrano e Bagnolo del Salento, tutte dipendenti dalla compagnia di Maglie, per fornire supporto, i sei che sono stati ritenuti sul momento responsabili dei fatti sono stati condotti in caserma, dopoo essere stati medicati, e deferiti alla Procura di Lecce. E la festa, almeno per loro, è finita lì.        

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ceffoni tra due famiglie durante la cena del matrimonio, denunciati in sei

LeccePrima è in caricamento