Cronaca

Lavori per ristrutturare il centro cottura del "Vito Fazzi": pasti preparati a Gallipoli

Dal primo ottobre e per 14 mesi il trasferimento di dieci dipendenti presso l'ospedale di Gallipoli. A Lecce restano in 50, per la distribuzione ai pazienti

Una corsia del Vito Fazzi.

LECCE – Per 14 mesi, a partire da ottobre, i pasti per i pazienti e per il personale in servizio al “Vito Fazzi” di Lecce saranno preparati nel centro cottura dell’ospedale di Gallipoli o, in alternativa, in quello di San Cesario di Lecce.

La decisione è stata presa nel corso di un confronto avvenuto in mattinata presso la direzione generale di Asl, alla presenza di Antonio Pastore, direttore amministrativo, dei tecnici dell’azienda sanitaria e dei rappresentanti sindacali.

Il trasferimento si è reso necessario a causa dei lavori previsti nel nosocomio del capoluogo e, dal punto di vista occupazionale, ci sarà una redistribuzione del personale, secondo la proposta della cooperativa La Cascina che gestisce il servizio: dieci unità presteranno servizio a Gallipoli, 50 resteranno al Fazzi per lo predisporre le porzioni e distribuire le pietanze. Per gli altri 21 dipendenti, invece, si dovrà trovare una collocazione alternativa d’accordo con i sindacati: in questo senso è in programma un nuovo incontro martedì 11 settembre.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavori per ristrutturare il centro cottura del "Vito Fazzi": pasti preparati a Gallipoli

LeccePrima è in caricamento