Cronaca

Lotta ai tumori con il “Centro Ilma”. In due anni l’avvio del complesso oncologico

Il direttore scientifico della Lilt, Giuseppe Serravezza, ha aggiornato la situazione sui lavori del centro ricerche, indagine e riabilitazione che sorgerà nei pressi di Gallipoli. Appello per la raccolta fondi e per la "Giornata della speranza"

Il cantiere.

GALLIPOLI - La sfida del territorio salentino per radicare la lotta contro il cancro e implementare la ricerca e la prevenzione verso ogni forma di tumore segna un passo importante. Il progetto messo in auge dalla Lilt della provincia di Lecce è in fase di realizzazione e il nuovo “Centro Ilma” entro un paio d’anni potrà diventare realtà.

Un sogno che si materializza dopo un lungo iter burocratico e l’avvio della fase realizzativa. I lavori per la costruzione del centro ricerche, i laboratori di educazione e di didattica per la prevenzione primaria, gli ambulatori e le aree per la riabilitazione fisica, psicologia e sociale sono in piena attività. A fare il punto sullo stato di avanzamento degli interventi del centro oncologico e a presentare la manifestazione “Una Stella per la Speranza” promossa dalla Lilt nelle giornate del 6, 7 e 8 dicembre prossimo è stato il responsabile scientifico della lega per la lotta ai tumori, l’oncologo Giuseppe Serravezza in un incontro che si è svolto in mattinata a palazzo Adorno. Una conferenza stampa alla quale hanno preso parte anche  Antonio Micaglio, del direttivo Lilt di Lecce, l’ingegnere Flaviano Giannone e Valentino Nicolì, della omonima ditta di Lequile, esecutrice dei lavori di realizzazione del complesso edilizio del Centro Ilma.   

Un progetto che prende forma e alimenta la speranza. La sezione provinciale di Lecce della Lilt ha promosso da tempo la sua realizzazione alle porte di Gallipoli, in un’area di sette ettari di cave dismesse lungo la provinciale per Alezio, non molto lontano dall’ospedale “Sacro Cuore di Gesù”. Una struttura all’avanguardia per imprimere una spinta decisiva alla lotta al cancro nel territorio salentino. In uno stesso complesso infatti coesisteranno un centro di ricerca per la prevenzione primaria, un’area per la prevenzione clinica, un’area per la riabilitazione, un centro studi e una biblioteca e una sala convegni per attività multimediali.

I lavori di edificazione del Centro Ilma, ad opera della ditta Nicolì di Lequile, sono in corso d’opera come hanno spiegato Serravezza e gli altri relatori. E in questa fase riguardano il settore della ricerca, prevenzione e riabilitazione, cui si è data priorità per la sua strategicità, stante l’importanza fondamentale della prevenzione primaria, specie nel contesto salentino gravato da tassi di incidenza e mortalità oncologica sempre più preoccupanti. Da quanto reso noto è stato già completato il piano elevato ed il corpo della piscina, che rientra nel settore riabilitativo della struttura. E si sta procedendo con le altre strutture speditamente, tant’è che è previsto il compimento della struttura in poco meno di due anni.

“Vogliamo sottolineare che numerosi tecnici, ingegneri, architetti, geometri - ha spiegato il dottor Serravezza - stanno prestando volontariamente la loro opera gratuitamente, e con grande senso di responsabilità civile e umana solidarietà impegnando parte del loro tempo per seguire le complesse procedure relative ai lavori di realizzazione della struttura. E’ nostro auspicio, in considerazione della rilevanza sociale del progetto” ha aggiunto l’oncologo salentino, “che intorno ad conferenza stampa-3esso si coagulino l’attenzione e la partecipe solidarietà di tutti i salentini, istituzioni pubbliche, aziende e privati cittadini, anche alla luce delle importanti risorse occorrenti al completamento della sua realizzazione. Abbiamo bisogno del sostegno di tutti” ha concluso Serravezza, “per giungere a completare un’opera che potrà essere di grande utilità nel campo della lotta al cancro nel nostro territorio. Ringraziamo pertanto tutti quelli che vorranno contribuire e sostenere il progetto”.

Per fornire sostegno concreto alla realizzazione del Centro Ilma sono numerose le iniziative e le raccolte di fondi promosse da tutte le delegazioni della Lilt presenti nell’intera provincia salentina e numerose sono anche le persone che hanno risposto in questi anni all’appello di unirsi e di contribuire con le donazioni del 5 per mille destinato proprio alla Lilt  e alla raccolta fondi per sostenere il Centro Ilma. In tale direzione va ricordato che il 6, 7 e 8 dicembre, i volontari e le volontarie della Lilt di Lecce saranno nelle piazze, in occasione del tradizionale appuntamento della “Giornata della Speranza”, con la vendita delle stelle di Natale.

E anche quest’anno si auspica che, grazie alla tradizionale generosa risposta dei salentini, venga raggiunto il traguardo delle 30mila piante vendute. Saranno interessati dall’iniziativa tutti i comuni della provincia di Lecce. Al fianco della Lilt saranno presenti volontari di molte altre associazioni che da sempre collaborano all’iniziativa.  E’ la ventiquattresima edizione di questa manifestazione, organizzata per raccogliere fondi a sostegno delle attività e dei progetti della Lilt e i particolare per il sostegno alla realizzazione del “Centro Ilma” di Gallipoli.   

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lotta ai tumori con il “Centro Ilma”. In due anni l’avvio del complesso oncologico

LeccePrima è in caricamento