Sabato, 19 Giugno 2021
Cronaca

Cesine, in venti giorni ripuliti 6 chilometri di costa. E si pensa al futuro

E’ stata ripulita dagli operatori di Arif la spiaggia adiacente alla riserva naturale. Il problema era stato sollevato nel corso dell’estate dal consigliere regionale del Movimento 5 stelle Cristian Casili. Da un incontro con Michele Emiliano, l'idea di trasformarla in Riserva marina

VERNOLE - E’ stata ripulita dagli operatori di Arif la spiaggia adiacente alla riserva naturale Le Cesine. Un lavoro lungo e paziente che ha visto impegnati trentacinque uomini della sede distaccata leccese. Suddivisi in squadre formate da cinque ciascuna, hanno prima individuato i due punti di accesso, la cosiddetta “strada bianca” e l’idrovora di San Cataldo, per poi dare avvio all’attività di rimozione di bottiglie di vetro, legname, lattine di alluminio, plastica e rifiuti vari.

Quel tratto di arenile ricade nella competenza del Comune di Vernole che ha richiesto un intervento rapido all’Agenzia per le Attività irrigue e forestali. L’operazione non è stata semplice, perché quel tratto di litorale su cui si erano accatastati rifiuti d’ogni genere è lungo 6 chilometri e difficilmente accessibile. La zona, per la sua struttura geomorfologica, è peraltro bacino di raccolta di tutto ciò che arriva trascinato dal mare, da Casalabate a San Cataldo.

In quel tratto le mareggiate sono particolarmente forti, e si spiega così l’enorme quantitativo di rifiuti che sono stati rimossi e raccolti. Ogni oggetto è stato compattato e suddiviso per materiale. Al termine di quasi venti giorni di lavoro sono stati contati complessivamente 312 sacchi grandi di plastica e carta, 17 di vetro e altri 17 di alluminio.

Il problema era stato sollevato nel corso dell’estate dal consigliere regionale del Movimento 5 stelle Cristian Casili, che aveva svolto diversi sopralluoghi. Dopo un incontro a Bari con il presidente della Regione, Michele Emiliano, si era poi deciso di manifestare più attenzione su questa parte della riserva nei pressi dell’Oasi del Wwf,  con l'idea di avviare le pratiche per l’eventuale trasformazione della zona Sic marina, in vera e propria Riserva marina, sul modello di Torre Guaceto.

Quell’incontro s’era svolto il 1° settembre. E il 16 novembre, quindi lunedì prossimo, prevista una nuova seduta, con gli ambientalisti e il Comune di Vernole, per iniziare a discutere le proposte. Con la spiaggia ritornata a nuova vita, gli auspici sembrano fra i migliori

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cesine, in venti giorni ripuliti 6 chilometri di costa. E si pensa al futuro

LeccePrima è in caricamento