Martedì, 3 Agosto 2021
Cronaca

Chiazza di catrame nelle acque di Frassanito. Pericolo inquinamento

Uno sversamento ad Alimini dovuto al probabile passaggio di una nave petroliera nella mattinata crea allarme tra i bagnanti: sul posto si sta operando con tutti i mezzi per frenare l'espansione delin altre zone costiere

Le chiazze in mare (foto di Umberto Lanzilotto)

OTRANTO – Una chiazza di catrame nelle acque di Frassanito: ed è allarme inquinamento tra i bagnanti. Nel pomeriggio di sole e mare ad Alimini, sul territorio costiero di Otranto, i bagnanti hanno visto d’improvviso il mare invaso da una macchia nera in espansione. I grumi di catrame, riconoscibili, si sono lentamente sparsi in più direzioni, facendo paventare un rischio ambientale.

Subito sono scattate le segnalazioni da parte dei presenti alle autorità competenti: allertato, in particolare, l’Ufficio circondariale marittimo locale, dove dalla sala operativa si è provveduto subito per verificare le lamentele, con l’invio di una motovedetta Cp 518 sul luogo. Riscontrata la veridicità della notizia, dalla sala operativa è stato attivato il dispositivo antinquinamento, facendo uscire anche la motovedetta Cp 809, inviando pattuglie sulle spiagge per monitorare a terra e a mare l’entità e l’estensione delle macchie fino al tramonto, rilevando grumi catramosi di varie dimensioni, vicinissimi alla riva ed in parte già spiaggiati.

Sulla situazione è stata data comunicazione ai rappresentanti istituzioni del Comune, all’Arpa, all’Asl e a chiedere l’intervento dell’alce nero di Castalia Ecolmar, in genere, utilizzato per queste necessità. Avvertite anche le forze dell’ordine, la Prefettura di Lecce, il dipartimento regionale della Protezione civile e le associazioni di volontariato. Tutti i mezzi disponibili si sono mossi per circoscrivere il danno, temendo che la macchia si potesse estendere ulteriormente come di fatto accaduto su tutto il litorale che da Serra Alimini porta a Sant’Andrea. Scongiurato l’interessamento anche di Torre Dell’Orso e San Foca.

Probabile che il catrame sia il residuo del passaggio nella mattinata di una petroliera, ma non è l’unica ipotesi e, per quanto la priorità sia la risoluzione dell’emergenza ambientale, sono partiti i primi accertamenti sul caso (di cui è già stata resa partecipe la Procura della Repubblica di Lecce). Il comando ha, inoltre, ospitato sulla Cp 809 i tecnici dell’Arpa, che hanno prelevato a bordo e verificato dei campioni a mare per i doverosi controlli.

Anche i militari dei dipendenti uffici di San Foca e San Cataldo hanno partecipato al monitoraggio costiero fino al tramonto, spostandosi sino a Torre dell’Orso, dove non è stato riscontrato alcun grumo presente sulla spiaggia.

Nella mattinata di domani si attende grande dispiegamento di forze sulla spiaggia. Il comandante dell’Ufficio circondariale marittimo, Francesco Amato, è fermamente convinto che bisogna agire subito, prima che le condizioni del mare peggiorino, con una rimozione del materiale sia a terra che a mare.

Per questo ha già disposto il rientro in zona delle operazioni della Cp 809, alle prime luci dell'alba, e dell'unità antinquinamento “Alce Nero”, e coinvolto non solo le istituzioni, ma tutte le associazioni di volontariato/protezione civile locali, sperando in una risposta unitaria dell'intera comunità residente. Anche un aereo della Guardia Costiera, con apparecchiature di telerilevamento specializzate, è stato appena destinato al monitoraggio dell'area, per poter quantificare meglio l'entità del fenomeno in atto.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chiazza di catrame nelle acque di Frassanito. Pericolo inquinamento

LeccePrima è in caricamento