rotate-mobile
Giovedì, 13 Giugno 2024
Verifiche nel capoluogo

Infestanti ed escrementi di topi nel panificio: scattano chiusura e multa di 4.500 euro

Le verifiche del Nas a Lecce hanno portato nella struttura dove sono emerse gravi carenze igieniche; problemi anche nella tracciabilità dei prodotti e nel rispetto del certificato Haccp

LECCE – C’erano escrementi di topi e preparazioni alimentari congelate e senza la necessaria tracciabilità all’interno del panificio, chiuso a Lecce, dopo i controlli messi in atto dai carabinieri del Nucleo antisofisticazione e sanità nei giorni scorsi.

Carenze igieniche e irregolarità che hanno portato oltre alla chiusura immediata dell’esercizio a una multa salata di 4500 euro.

Le verifiche, che s’inquadrano in una più ampia attività mirata all’ispezione dei grossisti che trasportano prodotti etnici, allo stoccaggio e alla conservazione degli alimenti, al fine di garantire la genuinità dei prodotti e la repressione delle frodi nel settore, si sono concentrate in un’attività a Lecce.

Trattasi, come detto, di un panificio, dove la situazione riscontrata dai carabinieri del Nas ha evidenziato gravi carenze sotto l’aspetto igienico con prodotti congelati e non adeguatamente tracciati, la presenza di infestanti ed escrementi di roditori.

In particolare, si è proceduto al sequestro di 25 chili di preparazioni alimentari congelate (rosticceria e primi piatti) non giustificati da alcuna documentazione attestante la tracciabilità delle materie prime impiegate nella produzione e non sottoposti al piano di autocontrollo alimentare, ovvero il certificato HACCP, quello relativo alla conoscenza della microbiologia e della conservazione degli alimenti con le regole di igienizzazione delle strutture/attrezzature e dei lavoratori nel processo produttivo.

I carabinieri hanno contestato ai titolari stranieri della struttura sanzioni amministrative per un totale di 4.500 euro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Infestanti ed escrementi di topi nel panificio: scattano chiusura e multa di 4.500 euro

LeccePrima è in caricamento