Venerdì, 30 Luglio 2021
Cronaca Via San Nicola

Finti permessi di soggiorno nella borsa del pc. Denunciato un cinese

Un 42enne è stato deferito in stato di libertà, con l'accusa di clandestinità, ricettazione, possesso di documenti falsi. Fermato inizialmente per maltrattamento in famiglia, il 42enne custodiva permessi di soggiorno contraffatti

LECCE - Urla e rumori bruschi in pieno giorno, che provenivano da un appartamento affittato a cittadini stranieri  in via San Nicola  e il proprietario, intorno alle dieci e mezzo di venerdì mattina, ha allertato gli agenti di polizia della questura di Lecce, segnalando alcuni maltrattamenti in famiglia. I poliziotti hanno raggiunto uno degli inquilini, F.Z. , 42enne di nazionalità cinese e, a breve, indagagheranno sulle eventuali violenze perpretrate in famiglia.  Dopo aver chiesto i suoi documenti, il 42enne ha fornito agli agenti un passaporto ordinario cinese ed un permesso di soggiorno intestato ad un secondo connazionale che, in accertamenti successivi, è risultato rubato presso la stazione dei carabinieri di Robbio Lomellina, nel pavese, a fine agosto del 2010.

Non possedendo  alcun documento per la permanenza su territorio nazionale, l'uomo è stato sottoposto alla perquisizione da parte degli uomini dell'Ufficio volanti, che hanno esteso i controlli anche alla custodia del personal computer dell'uomo. All'interno della borsa erano contenuti ulteriori documenti di identità, permessi di soggiorno e una banconota da 100 euro, rigorosamente contraffatta. Parte del materiale, poi finito nelle mani dei poliziotti, è risultato provento di furti avvenuti tra Milano e Verona, mentre i documenti altro non erano che una riproduzione, palesemente illegale, sulla quale gli uomini della questura non hanno faticato a riscontrare caratteristiche differenti da quelle originali. Il 42enne, però, ha negato tutto: quei documenti non li avrebbe rubati. Piuttosto acquistati da un cittadino marocchino e anche a caro prezzo, lo scorso 6 aprile, in via Lepontina, nel capoluogo lombardo, per una cifra di mille e 200 euro.

Immediata, per l'uomo, la denuncia in stato di libertà per clandestinità, ricettazione, possesso di documenti falsi e false attestazioni. Reati che gli erano già stati imputati in passato, quando era stato fermato in più occasioni per aver fornito false generalità. 

 

 

 

 

 

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Finti permessi di soggiorno nella borsa del pc. Denunciato un cinese

LeccePrima è in caricamento