Cime impigliate nelle due eliche e la barca rischia di andare alla deriva

Tre olandesi salvati a circa 3 miglia dal Capo di Leuca. E' stata inviata una motovedetta Sar che li ha trainati in porto

SANTA MARIA DI LEUCA – Erano alla deriva con la barca, in piena notte. Hanno dovuto richiedere soccorso all’autorità marittima. Per fortuna non erano molto lontani dalla terra, a circa 3 miglia dal Capo di Leuca. In breve la guardia costiera ha trovato l’imbarcazione e ha soccorso le tre persone a bordo.

Brutta avventura per gli occupanti di un’imbarcazione di circa 14 metri, battente bandiera olandese. A trovare i tre cittadini dei Paesi Bassi, due uomini e una donna, sono stati gli uomini della motovedetta Cp 886 di Leuca.

La richiesta di soccorso è stata lanciata via radio e ascoltata dalla sala operativa del circondario marittimo di Otranto e subito rilanciata alla capitaneria di porto di Gallipoli, competente per territorio sulla base della posizione fornita.

La sala operativa ha quindi disposto l’impiego della motovedetta Sar dislocata a Leuca, che in breve ha intercettato l’imbarcazione alla deriva. Era oramai impossibilitata a mettere in moto l’apparato di propulsione a causa di cime impigliate nelle due eliche.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La barca è stata condotta in sicurezza in porto a Santa Maria di Leuca, dove, questa mattina, i militari dell’ufficio locale marittimo di Leuca condurranno accertamenti per verificare le dinamiche e le cause dell’accaduto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prima svolta, preso il presunto killer di Eleonora e Daniele

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Preso presunto assassino: fascette per torturare le vittime e un piano folle per l’omicidio

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio, il 21enne non nega: “Da quanto mi stavate pedinando?”

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento