Cinghiali nell'oasi "Le Cesine": un rischio per l'ecosistema e per gli utenti

Wwf, Atc, Asl, Comune e forze dell'ordine cattureranno le scrofe che scavano per trovare le uova e potrebbero attaccare gli animali da compagnia, provocando incidenti

In foto: l'oasi Le Cesine.

LECCE - Cinghiali, maiali o forse una specie nata dall'incrocio delle prime due sta mettendo a repentaglio l'oasi naturale delle Cesine.

Le fototrappole, installate all'interno della Riserva, hanno infatti immortalato 80 animali che, scavando al fine di trovare il cibo, stanno distruggendo il sottobosco: il 65 percento delle stazioni di orchidee è già stato danneggiato e, a lungo termine, potrebbe risentire l'intero ecosistema.

L'allarme viene dal Wwf che ha chiesto collaborazione all’Ambito territoriale della caccia per risolvere il problema. Un primo incontro è avvenuto all’interno della Masseria e vi hanno partecipatp Luigi Melissano e Alberto Del Genio per Atc, Carmine Annicchiarico e Giuseppe De Matteis per il Wwf insieme  alle rappresentanze dei carabinieri forestali, della Asl e del Comune.

Dal punto di vista naturalistico sono emersi altri dettagli: questa specie si nutre infatti delle uova deposte da alcuni uccelli che nidificano nella macchia mediterranea. Il risultato è che in un anno le nuove nascite sono drasticamente diminuite.   

A monte di tutto vi sarebbe la pratica abusiva e illegale di liberare questa fauna all'interno dell'oasi; una fauna che raggiunge la maturità sessuale all’età di sei mesi, si riproduce due volte all’anno.

Non meno preoccupante è il rischio che corrono gli avventori delle Cesine, adulti e bambini, accompagnati da animali domestici che potrebbero essere attaccati dalle scrofe. E ancora, ad allarmare le forze dell’ordine è il pericolo di incidenti sulla provinciale provocati dal transito degli animali.

L’Ambito territoriale ha assicurato il proprio contributo, ricordando come l'oasi sia una zona interdetta alla caccia e nei prossimi giorni si avvierà un monitoraggio per la cattura di questi animali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“L’Oasi è davvero in pericolo – ha sottolineato Gigi Melissano, commissario di Atc – e noi siamo ovviamente pronti ad intervenire rispettando le prescrizioni di legge. Lavorare accanto al Wwf per tutelare la Riserva che in tanti ci invidiano è per l’Atc una grande occasione. Due mondi apparentemente così distanti si incontrano, ciascuno con le proprie competenze, per difendere un delicatissimo ecosistema. E questa è una vittoria di tutto il territorio”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trascina la figlia per l'orecchio, i clienti del bar si ribellano e finisce a botte

  • Coronavirus in Puglia: nove positivi, cinque nel Salento fra cui anziano di una Rsa

  • Sospetta violenza sessuale: 20enne con forti dolori denuncia stupro

  • Infezione da Covid-19: sono 56 i casi positivi nel Salento, 6 a Lecce

  • Nessuno stupro a Gallipoli: falso allarme, i due appartati prima del collasso

  • Dall’epidemiologo “supposte di realismo”: al Sud a rischio il 99 per cento dei cittadini

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento