"Insegnanti, niente baci ed abbracci ai bambini". La circolare diventa un caso

È il senso di quanto contenuto nel messaggio della dirigente scolastica dell'istituto comprensivo di Lizzanello e Merine alle maestre. Ma l'interessata precisa: "Letture da gossip. S'invita a uno stile educativo più attento"

@TM News/Infophoto.

LIZZANELLO - Un eccesso di tutela o un appello ad un profilo maggiormente educativo del proprio ruolo? Troppo zelo o buon senso? Il dubbio è servito dopo che nell'istituto comprensivo di Lizzanello e Merine gli insegnanti si sono visti richiamati da una circolare della dirigente ad "evitare qualsiasi forma di contatto fisico, con gli alunni e le alunne, come ribadito in varie occasioni a livello generale e/o individuale".

Nel testo della circolare, già ribattezzata "anti-pedofilia", si ribadisce come non sia consentito per nessun motivo "toccare i ragazzi e le ragazze, né abbracciarli/e, né prendendoli/e per mano, né baciandoli/e sulla guancia", al fine di "tutelare la sicurezza di tutti". Gli eventuali "trasgressori" riceveranno "sanzioni disciplinari".

Una scelta che divide e solleva polemiche nell'opinione pubblica, in un clima sospettoso dovuto alle costanti cronache legate alla problematica, ma, dall'altra parte, a quel senso, comunque sia, ancora forte di fiducia nei confronti di figure dall'importante valore educativo. Le prime reazioni alla circolare non sono state di grande approvazione nell'opinione pubblica.

La notizia è rimpallata sulla stampa nazionale e visto il polverone sollevatosi, la stessa dirigente, Bruna Morena, ha diramato un nuovo comunicato, in cui precisa innanzitutto che nessun abuso si sia mai registrato nella scuola e che la circolare emessa ha solo il compito di "tutelare lo stile educativo e la formazione scolastica degli alunni frequentanti l'Istituto".

Si sottolinea che la lettura "decontestualizzata" della circolare ha fuorviato le interpretazioni e gli intendimenti della stessa, ribadendo che nessun insegnante può essere punito per una carezza sul capo ad un bambino o per un saluto, in quanto, nel ruolo, è importante costruire una "relazione affettiva con l'alunno". Ma questa avrebbe "espressioni diverse" che vanno oltre il contatto fisico.

"Curare l'educazione e lo sviluppo affettivo di un alunno - si legge testualmente - significa anche e soprattutto saper individuare un disagio, saper guardare negli occhi il/la minore per cogliere la tristezza e saper intervenire con un sorriso, con le parole giuste e con gli interventi didattico educativi mirati e non improvvisati".

È saper curare la sfera cognitiva, affettiva, valoriale dell'alunno costruendo il senso della legalità anche attraverso la costruzione del valore e del rispetto dell'altro. Rispetto dell'altro significa anche rispettare l'eventuale bisogno del ragazzo e della ragazza di non essere accidentalmente sfiorati perché potrebbe non essere accettato da tutti gli alunni e i genitori. E potrebbe anche essere il punto di partenza di un'infamia gettata con accuse infondate sul corpo docente, già troppo spesso maltrattato a livello sociale e mediatico".

Infine, la dirigente evidenzia che i docenti, i genitori e anche l'amministrazione comunale hanno approvato il senso della circolare, stigmatizzando alcune riletture mediatiche da "gossip".   

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Per Emiliano la riconferma alla guida della Regione: ampio vantaggio su Fitto

  • Negli sportelli dell'auto, cocaina per due milioni, arrestato un 43enne

  • Furgone sbanda, finisce contro l’albero e prende fuoco: un ragazzo in coma

  • Coronavirus: 50 nuovi in Puglia, 6 in provincia di Lecce. E un positivo al voto a Nardò

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento