rotate-mobile
Cronaca Uggiano La Chiesa

"Città di pace" votata all'impegno per i diritti umani

Nel consiglio comunale viene ratificato l'impegno della comunità di Uggiano ad aderire al Coordinamento nazionale degli enti locali per la pace e i diritti umani. Soddisfatto il sindaco Piconese

UGGIANO LA CHIESA - Il comune di Uggiano La Chiesa aderisce al "Coordinamento nazionale degli enti locali per la pace e per i diritti umani", con il voto del consiglio e con la dichiarazione della comunità locale "Città per la pace". Una scelta che attesta l'impegno politico ed amministrativo dell'amministrazione di Salvatore Piconese, che, grazie al lavoro svolto del Consigliere alle politiche della pace, Vincenzo Sisinni, ha programmato una serie di interventi istituzionali miranti alla cooperazione internazionale e alle politiche della pace fra i popoli del Mediterraneo.

In tal senso, il comune di Uggiano La Chiesa partecipa al progetto "Salento/Palestina", insieme alla Provoncia di Lecce e all'Istituto di cultura del Mediterraneo, e ha già realizzato una serie di iniziative di sensibilizzazione ai temi della pace e della fratellanza, coinvolgendo personalità come Nabil Salameh, leader dei Radiodervsh, per la realizzazione dell'Accademia musicale di Betlemme. Pertanto, l'amministrazione comunale, con l'entrata nel "Coordinamento nazionale degli enti locali per la pace e per i diritti umani" e la proclamazione di "Città per la pace", continua l'impegno sul campo in favore delle politiche di cooperazione, dei diritti umani e della solidarietà fra le popolazioni mondiali.

Piconese reputa questa una "tappa importante" che denota "il profilo politico e culturale della mia Amministrazione comunale nell'ambito delle politiche della pace": "Una scelta di campo - dichiara - che impegna la nostra comunità in favore della cooperazione con gli altri popoli nel segno della fratellanza e della solidarietà e nel rispetto dall'articolo 11 della Costituzione italiana: l'Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali".

Un commento dal sindaco arriva anche sull'approvazione del Piano triennale delle opere pubbliche e sul Bilancio di previsione 2011: "Stiamo costruendo un nuovo percorso amministrativo, nel quale si intravedono i segnali di cambiamento rispetto agli anni precedenti. Una nuova gestione della ?cosa pubblica' basata interamente sul virtuosismo ragionieristico. Ciò è evidente nell'approvazione del piano triennale delle opere pubbliche e del Bilancio previsionale 2011".

"Nel primo - prosegue - abbiamo dato il via alla realizzazione di opere di prima necessità per il territorio e fra quelle più importanti possiamo annoverare: il rifacimento e il miglioramento del manto stradale delle principali vie cittadine, per un importo totale di 400mila euro; l'apertura di due nuove strade di collegamento nel centro urbano, per un importo complessivo di 350mila euro; la messa a norma degli impianti di pubblica illuminazione, per un impegno di 100mila euro. Inoltre, grazie a due importanti finanziamenti pubblici partiranno i lavori per la riqualificazione della zona 167, con il progetto Pirp della Regione Puglia, per importo 1.333.250 euro, e per la messa in sicurezza della Scuola elementare, per un importo di 600mila euro, con i fondi del Ministero delle Infrastrutture".


Per quel che concerne il Bilancio 2011, Piconese evidenzia come subisca lo "stress" dell'aumento dei costi della gestione dei rifiuti: "E' stata - specifica - una scelta politica della mia Amministrazione Comunale, che anzichè aumentare la Tarsu ai cittadini ha scelto di far fronte con fondi di bilancio comunale al repentino aumento delle spese richiesto dall'Ato Le/2 per il 2011. Ma nonostante tutto è un documento che dimostra la messa in ordine dei conti pubblici e la rigenerazione economico-finanziaria dell'ente dopo la restituzione del mutuo del mancato acquisto del Castello di Casamassella alla Cassa depositi e Prestiti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Città di pace" votata all'impegno per i diritti umani

LeccePrima è in caricamento