rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Cronaca Carmiano

Cocaina e chili di marijuana nel garage, l’arrestato in lacrime: “Non sono un pusher”

Resta in carcere Giorgio Centonze, il 41enne di Magliano che durante l’interrogatorio ha dichiarato di aver messo a disposizione il suo garage come deposito della droga per problemi economici

MAGLIANO - In lacrime ha ammesso di aver custodito la droga nel garage per arrotondare lo stipendio come facchino, specificando di non averlo mai fatto prima, di non aver mai spacciato e che desidererebbe tornare indietro per non commettere più l’errore pagato con l’arresto.

Si è difeso così, questa mattina, durante l’interrogatorio di convalida, Giorgio Centonze, il quarantunenne residente a Magliano, frazione di Carmiano, finito in carcere tre giorni fa, dopo che i carabinieri del Nor-sezione operativa della compagnia di Campi Salentina l'avevano trovato in possesso di quattro chili e mezzo di marijuana e di 142 grammi di cocaina.

Con la voce rotta dal pianto, l’indagato, assistito dall’avvocato Francesco Cazzato, ha risposto alle domande del giudice per le indagini preliminari (gip) Cinzia Vergine, ammettendo di aver messo a disposizione il locale per il deposito delle sostanze solo per difficoltà economiche, ma senza specificare per conto di chi l’avrebbe fatto.

Terminato il confronto, il gip ha confermato la misura cautelare in carcere, respingendo la richiesta di domiciliari avanzata dalla difesa, in considerazione della circostanza che proprio l’abitazione fosse luogo di detenzione dello stupefacente. “L’assenza di pregiudizi e carichi pendenti non incide sulla negativa valutazione del quadro di personalità comunque oggettivamente emergente dalla condotta contestata e dalle sue necessarie implicazioni con la malavita organizzata”, si legge nell’ordinanza.

L’uomo è quindi rimasto nel penitenziario di “Borgo San Nicola”, dove era stato accompagnato su disposizione del magistrato di turno, la pubblico ministero Maria Rosaria Petrolo.

A trovare l’ingente quantitativo di marijuana e cocaina erano stati i militari dell’Arma, proprio su indicazione dello stesso Centonze che, prima, era stato fermato, alla guida della sua auto, in via IV Novembre per un controllo.

E’ così che, all’esito della perquisizione, sotto sequestro erano finiti sei sacchetti di plastica trasparente dove erano stati distribuiti i quattro chili e mezzo di “erba” e tre buste con la “polvere bianca”. Oltre alla droga nelle mani dei militari erano finiti anche bilancini e del materiale ritenuto utile al confezionamento delle dosi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cocaina e chili di marijuana nel garage, l’arrestato in lacrime: “Non sono un pusher”

LeccePrima è in caricamento