Lunedì, 25 Ottobre 2021
Cronaca Tricase

Cocaina per 100mila euro sotto il pianale, condotto in carcere

Un commerciante 53enne trasferito a Borgo San Nicola dagli agenti di polizia del commissariato di Taurisano. Nel 2014 lo fermarono i finanzieri di Francavilla al Mare. La droga celata in un nascondiglio

TAURISANO – Gli agenti di polizia del commissariato di Taurisano hanno tratto in arresto nei giorni scorsi Thomas Pizzolante, 53enne, originario di Morciano di Leuca, assistito dall'avvocato Gianluca Ciardo. Su Pizzolente, che è residente a Tricase, pendeva infatti un provvedimento restrittivo emesso dal procuratore aggiunto della Repubblica di Pescara. L’uomo è stato condotto in carcere.

E’ diventato definito un provvedimento che nasce da una sentenza che l’ha riconosciuto colpevole di aver detenuto e trasportato, ai fini di spaccio, un panetto contenente circa 1 chilo e 50 grammi di cocaina. Il legale del 53enne, l'avvocato Ciardo, aveva patteggiato una condanna a 4 anni dinanzi al gip del Tribunale di Pescara.

Deve scontare una pena residua di tre anni, sei mesi e diciotto giorni ed è stato condannato anche all'interdizione dai pubblici uffici per cinque anni.

Pizzolante fu fermato nell’ottobre del 2014 dai militari della guardia di finanza di abruzzesi nella zona di Francavilla al Mare, lungo l'autostrada A14. L’uomo, insospettabile commerciante, fu fermato nell’occasione alla guida di un’autovettura con targa straniera.

Il fiuto di un cane antidroga permise di rinvenire la droga, per un valore di circa 100mila euro, in un doppiofondo sigillato fra sedili e pianale dell’auto. Un nascondiglio perfettamente sigillato che fu scoperto solo grazie al fiuto di “Vagol”, pastore tedesco dei finanzieri di Pescara.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cocaina per 100mila euro sotto il pianale, condotto in carcere

LeccePrima è in caricamento