Lunedì, 20 Settembre 2021
Cronaca Centro / Via Giacomo Matteotti

Colombi uccisi con del riso avvelenato in centro: si cercano i responsabili

La scoperta all’alba, nel cuore del capoluogo salentino. Una quindicina di esemplari sono stati trovati senza vita: su un paio di volatili le analisi

Uno degli esemplari ritrovati questa mattina

LECCE  - La scena che si è presentata agli occhi degli operatori ecologici, questa mattina, è stata inquietante: almeno una ventina di colombi senza vita erano disseminati lungo via Matteotti, nel centro storico di Lecce. Ma potrebbero anche essere di più. Diverse le segnalazioni giunte da residenti e dai passanti che, già all’alba, hanno scorto i volatili sul basolato.  E non solo. Altri esemplari sono stati infatti rinvenuti anche in via Umberto I, a ridosso della Basilica di Santa Croce e in  Vico della Saponea.

Sul posto, prima della rimozione degli esemplari ormai morti, sono giunti gli agenti di polizia della questura leccese, assieme al personale della Monteco, la ditta convenzionata con Palazzo Carafa, allertati dall’assessore comunale alle Politiche ambientali, Andrea Guido. Le forze dell’ordine hanno rinvenuto i chicchi biancastri di riso, quello che si presume essere stato avvelenato, causando una agonia sui volatili, prima della loro morte per soffocamento.

Alcuni esemplari hanno infatti anche subito una fuoriuscita di sangue dal becco, prima di morire. Due colombi senza vita sono stati consegnati al personale della Asl, per essere analizzati in laboratorio e stabilire quale tipo ci veleno sia stato utilizzato. L’assessore Guido ha, inoltre, mobilitato anche la polizia locale leccese per poter vagliare le videocamere di sorveglianza installate nel centro storico. Saranno quegli “occhi elettronici” a fornire volto e identità del responsabile dell’accaduto. Intanto, le strade coinvolte nell’episodio sono state ripulite e disinfestate in mattinata.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Colombi uccisi con del riso avvelenato in centro: si cercano i responsabili

LeccePrima è in caricamento