Lunedì, 2 Agosto 2021
Cronaca Viale Giovanni Paolo II

Inquietante avvertimento nella notte. Raffica di colpi contro la pizzeria “La diavola”

Ancora un episodio dal chiaro intento intimidatorio, in città, ai danni di un noto esercizio, in viale Giovanni Paolo, conosciuto come viale dello Stadio. Alcuni malviventi, a bordo di una moto, hanno esploso quattro proiettili in direzione delle vetrine del locale. Sul posto, gli agenti di polizia delle volanti per ascoltare i residenti e recuperare i filmati

La pizzeria colpita nella notte

LECCE  - Sono almeno quattro i colpi di pistola, quasi certamente a tamburo, esplosi intorno alle 2 della notte, contro la saracinesca della pizzeria "La Diavola" di viale Giovanni Paolo, conosciuto come viale dello Stadio, al civico 23. Il locale, posizionato sotto a un porticato, è di proprietà di Andrea Mello.

Come per l’episodio avvenuto in via Duca D’Aosta sei giorni addietro, ai danni del negozio “Gli elettrici” , di proprietà di Luciano Isola, anche in questo sono stati gli stessi residenti della zona ad allertare le forze dell’ordine, dopo aver udito la sventagliata di colpi contro la saracinesca dell’attività.  Ma vi è anche un'altra, rilevante analogia. Il rombo di una moto, di grossa cilindrata, utilizzata dal malvivente, e da un eventuale altro individuo, per raggiungere la pizzeria, aprire il fuoco e farsi ingoiare nuovamente dalle strade della città, con un buio complice.

Sul posto sono le volanti di polizia assieme ai colleghi della scientifica per i rilievi. Gli agenti, durante il primo sopralluogo, hanno notato le tracce visibili dei colpi. Uno avrebbe persino oltrepassato la saracinesca. Al momento, tuttavia, il materiale recuperato dall'asfalto non si sarebbe rivelato utile. Sarà inutilizzabile e non potrà essere analizzato dagli esperti, nei laboratori della Polizia di Stato. Le indagini sono scattate immediatamente, coordinate dal personale della squadra mobile, diretto dal vicequestore aggiunto Sabrina Manzone. Nella prima fase investigativa, saranno visionati i filmati delle telecamere di videosorveglianza installate sia nei paraggi, che lungo tutto il viale, dove sono presenti anche altri esercizi commerciali. Quello preso di mira ne è sprovvisto.

Saranno ascoltati, inoltre, alcuni residenti, per cercare di recuperare indizi utili alla ricostruzione sia dell’accaduto, che assume sempre più i contorni inquietanti della minaccia, sia il tragitto percorso dall’autore del gesto. Se i fotogrammi dovessero mettere in luce somiglianze, se non addirittura coincidenze con il motociclo utilizzato nell'episodio di una settimana addietro, i sospetti degli inquirenti potrebbero imboccare una pista piuttosto inquietante. Che arriverebbe ad accomunare entrambi i fatti, aprendo un filone di indagine. 15 colpi calibro 9x21 esplosi ai danni del negozio di materiale elettrico ha, infatti, gettato nuovamente la città in un clima di profonda tensione. Dopo settimane di tregua in cui attentati come quelli al Bar Carletto, o la bomba al Bar Paisiello, sembravano aver preso il largo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inquietante avvertimento nella notte. Raffica di colpi contro la pizzeria “La diavola”

LeccePrima è in caricamento