Cronaca Via E. D'Amore

Nove colpi di pistola nel rione San Pio. Crivellato il portone di un condominio

I bossoli, calibro 9, sono stati rinvenuti dagli agenti di polizia questa notte, a seguito della segnalazione di alcuni residenti di via Ettore D'Amore. Questi ultimi, intorno all'una meno un quarto, avrebbero anche udito una moto di grossa cilindrata, che ora potrebbe essere individuata attraverso i filmati Indaga la squadra mobile

Il vetro crepato dai colpi d'arma. La maggior parte sono stati indirizzati sull'infisso inferiore.

LECCE - L’inverno è stato inaugurato a colpi d’arma da fuoco, in città. Il rombo del motore, proveniente da una moto di grossa cilindrata, ha squarciato il silenzio della notte, nel rione San Pio. Sono almeno nove i proiettili indirizzati all’ingresso di un piccolo condominio di via Ettore D’amore, quando mancava un quarto d’ora all’una.

Alcuni malviventi, ma potrebbe anche essersi tratta di un individuo, hanno infatti crivellato il portone dello stabile. Sono visibili, sulla lastra crepata dai colpi, quei segni lasciati dai proiettili calibro nove. Tanti, ameno, i bossoli rinvenuti dagli agenti di polizia della sezione scientifica, intervenuti assieme ai colleghi delle volanti, per eseguire i rilievi, dopo la segnalazione di alcuni residenti che hanno udito la raffica, indirizzata a un destinatario ignoto.IMG-20131221-WA002-2

La palazzina è, infatti, composta da più appartamenti e non è ancora dato sapere quale, tra gli inquilini, sia stato preso di mira dagli individui che, sembra evidente, avevano intenzione di inviare un messaggio. Né è chiaro, al momento, se vi siano residenti gravati da precedenti penali.

Le indagini intanto, sono state affidate ai poliziotti della squadra mobile. Gli agenti, coordinati dal dirigente Rocco Carrozzo, hanno recuperato le registrazioni contenute da tutte le videocamere utili della zona, le quali potrebbero fornire risposte determinanti sul mezzo utilizzato dagli individui che hanno sparato e  sul tragitto percorso dagli stessi.

Gli inquirenti si muoveranno nel solco investigativo già tracciato da un altro episodio simile, appena otto giorni addietro, ai danni del noto “Bar Carletto”, in piazza Partigiani.  Quel venerdì, furono esplosi cinque colpi calibro 7,65 in direzione delle due vetrine della caffetteria, provocando danni alle saracinesche e ai vetri stessi. E non è tutto. Altri atti intimidatori sono stati messi a segno in città, ai danni di esercizi commerciali, come il "Bellini cafè", nel rione Salesiani. Senza risparmiare minacce persino le abitazioni private: un mese addietro, nella notte tra il 14 e il 15 novembre, una raffica di  otto colpi di pistola calibro 9, fu indirizzata alla facciata di una villetta di via Vanvitelli.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nove colpi di pistola nel rione San Pio. Crivellato il portone di un condominio

LeccePrima è in caricamento