rotate-mobile
Martedì, 4 Ottobre 2022
Cronaca Martano

Colpo in tabaccheria da 10mila euro e botte al dipendente: due assoluzioni

Per il giudice non furono Giuseppe Bevilacqua e Christian Stomeo i responsabili della violenta rapina avvenuta il 1° febbraio 2018 nell’area di servizio del distributore “Total Erg di Martano”

MARTANO – Sono stati assolti i due uomini ritenuti responsabili del colpo da 10mila messo a segno il 1° febbraio 2018 nella tabaccheria/ricevitoria presso l'area di servizio del distributore di carburanti "Total Erg", a Martano. La rapina fu particolarmente violenta: una pistola fu puntata contro l’addome di un dipendente che poi fu aggredito con un pugno e un calcio al volto quando reagì spintonando l’uomo armato.

Secondo il giudice Laura Liguori a compierla non sarebbero stati Giuseppe Bevilacqua, 34 anni, e Christian Stomeo, 26, entrambi del posto.

Ha stabilito questo il processo discusso oggi con il rito abbreviato, durante il quale la pubblica accusa, rappresentata dal pubblico ministero Luigi Mastroniani, aveva invocato sei anni di reclusione per ciascun imputato, in base alle indagini condotte dai carabinieri del Nucleo operativo radiomobile di Maglie.

Gli imputati rispondevano, oltre che di rapina, anche di furto aggravato perché dopo aver racimolato il bottino (600 euro custodite nella cassa centrale e dietro il bancone del bar e tutti i pacchetti di sigarette collocati nell'espositore, per un valore complessivo di 10mila euro) sarebbero riusciti a dileguarsi, con un complice mai identificato, su un'Alfa 147 rubata la notte prima a Maglie.

Nel processo, Stomeo e Bevilacqua hanno negato ogni addebito attraverso l’avvocato difensore Stefano Pati, che in un’ora di discussione ha evidenziato l’assenza di riscontri (in particolare, riguardo agli esiti delle analisi sui tabulati telefonici e alle perquisizioni domiciliari) di un loro coinvolgimento nella vicenda.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Colpo in tabaccheria da 10mila euro e botte al dipendente: due assoluzioni

LeccePrima è in caricamento