Commissione tributaria annulla cartella di quasi 600 mila euro. Cartenì vince il ricorso

Annullato un avviso d’intimazione dell’Agenzia delle entrate inviato al patron del Premio Barocco. Non dimostrata la notifica della cartella esattoriale

Foto di repertorio.

LECCE - Il settore della riscossione dell’agenzia delle entrate (ex Equitalia) non riesce a dimostrare la notifica della cartella esattoriale di circa 600 mila euro e il patron del Premio Barocco, Fernando Cartenì, vince il relativo ricorso riuscendo a sua volta a dimostrare l’illegittimità della richiesta di pagamento avanzata dal Fisco mai preceduta da una notifica di una cartella ufficiale. La Commissione tributaria provinciale di Lecce ha infatti annullato l’avviso d’intimazione dell’agenzia delle entrate, settore riscossione, di quasi 600mila euro emesso nei confronti del patron del Premio Barocco proprio perché in sede di contenzioso da parte dell’ente non è stata dimostrata la notifica della cartella esattoriale.

“Un duro colpo per il Fisco e una grande vittoria per il contribuente, Fernando Cartenì noto per essere il patron del Premio Barocco di Gallipoli” è il commento reso noto dal presidente dello Sportello dei Diritti della provincia di Lecce, Giovanni D’Agata. Con una sentenza depositata nella giornata di ieri quindi la commissione tributaria leccese ha totalmente annullato un avviso di intimazione di pagamento per il rilevantissimo importo di 572.303,69 euro, notificato dall’agenzia di riscossione, proprio nei confronti del fondatore del premio conferito a personalità della comunicazione, della solidarietà, e dell'arte che viene consegnato a Gallipoli.Maurizio Villani-3

I giudici tributari hanno così accolto le eccezioni di diritto formulate dall’avvocato Maurizio Villani, perché l'intimazione di pagamento non è stata preceduta dalla regolare notifica della cartella esattoriale. “Pertanto sulla scia dei principi ribaditi anche da recenti sentenze della Corte di Cassazione, in particolare la 1302 del 19 gennaio scorso emessa dalla sezione tributaria” evidenzia D’Agata, “anche la corte leccese ha rilevato, in buona sostanza, che la mancata dimostrazione della notifica della cartella esattoriale determina la nullità dell'intimazione di pagamento contestata”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • Ma la cartella se non è andata in prescrizione può sempre essere notificata,almeno per limporto originaio senza diritti di mora, interessi ecc. E questa volta la notifica che sia custodita in cassaforte del Dirigente dell'Agenzia delle Entrate. Ma questi signori dell'Agenzia delle Entrate non vengono mai multati per le loro scorrettezze?

  • i furbi in Italia vanno sempre avanti............poi ci lamentiamo dell'aumento delle tasse grazie a questi evasori...........annullata per vizio di notifica...........che vergogna! queste cose solo in italia. negli USA per una cosa del genere ti mettono dentro e buttano la chiave.......qua invece ti premiano

  • ben fatto Fernando, sei sempre un grande.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Sesso con il pm per avere vantaggi, l'avvocatessa sotto torchio per un'ora

  • Cronaca

    "Favori & Giustizia", il direttore generale dell'Asl Narracci respinge le accuse

  • Cronaca

    Il "sistema Arnesano" andava fermato, la denuncia dei suoi stessi colleghi

  • Attualità

    Più navette e 1350 parcheggi gratis nel week end, in centro si paga in sei festivi

I più letti della settimana

  • Sesso e regali per favori e processi: in arresto un pm, dirigenti sanitari e avvocata

  • Travolto da un’autovettura, un 62enne perde la vita davanti alla moglie

  • Ore di apprensione a Casarano: rintracciato di notte 22enne scomparso nel nulla

  • Bancarotta fraudolenta aggravata: quattro imprenditori in arresto

  • Inchiesta sesso&giustizia, Altavilla: “Triste pagina, ma indagine non è condanna”

  • Inchiesta "sesso & giustizia", il pm in carcere interrogato oltre un'ora

Torna su
LeccePrima è in caricamento