Cronaca

Richieste di denaro a commercianti ed esercenti. Ma il Comune non ne sa nulla

A Palazzo Carafa giunte alcune segnalazioni: alcune persone sollecitano offerte per sponsorizzazioni. Il sindaco mette in allerta: "Nessuna autorizzazione a nostro nome"

LECCE – Un tentativo di truffa è in corso in questi giorni tra i commercianti e gli esercenti di locali pubblici in città. A Palazzo Carafa sono arrivate almeno tre segnalazioni e in un caso sarebbe stata versato un contributo economico.

La richiesta, finalizzata alla sponsorizzazione di fantomatiche iniziative, viene avanzata a nome e per conto dell’amministrazione comunale e del sindaco che, naturalmente, non c’entrano nulla con la vicenda. Anzi, con un comunicato stampa diramato oggi i cittadini sono stati invitati a denunciare abboccamenti il cui scopo è il versamento di un contributo in denaro.

Il Comune, per quanto di sua competenza, si impegna ad agire nelle sedi opportune per tutelare il proprio nome. La scorsa estate, in vista della festa patronale, diverse persone credettero in buona fede di offrire il proprio contributo alla tre giorni di celebrazioni ma poi il comitato organizzatore fece sapere che già da anni è stata messa da parte la consuetudine di battere a tappeto la città per avere degli oboli. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Richieste di denaro a commercianti ed esercenti. Ma il Comune non ne sa nulla

LeccePrima è in caricamento