Sabato, 25 Settembre 2021
Cronaca

conapo, denuncia forte sul "business" degli incendi

Il sindacato autonomo dei vigili del fuoco, che chiede più uomini e mezzi, accusa lo Stato di aver favorito un sistema precario di "lavoro a chiamata che può innescare un meccanismo pericoloso"

Vigili del fuoco sulla graticola. Ogni giorno impegnati sul fronte di incendi spesso di notevole entità, lamentano una carenza d'organico e di mezzi che trasforma ogni singola chiamata in un'emergenza. In questi giorni di luglio sono impegnati in continuazione su tutto il territorio salentino. E lo stesso, se non addirittura peggio, sarà ad agosto. Incendi boschivi, ma anche nelle abitazioni, che spesso si verificano a causa delle sterpaglie che attecchiscono nei campi e si propagano nei giardini. E gli immancabili sinistri stradali. Nei casi più gravi, sono loro ad intervenire per divellere le lamiere, salvare vite, quando questo è ancora possibile.

Ma è soprattutto sul fronte degli incendi che lamentano i problemi più grossi. Il Conapo, sindacato autonomo dei vigili del fuoco, che ha una sua importante rappresentanza nel Salento, è fra i più agguerriti. E con un comunicato ufficiale diramato sul proprio sito (https://www.conapo.it) e distribuito anche agli organi di stampa, giunto a seguito dei tragici avvenimenti di Peschici, lancia una denuncia forte: "L'Italia va a fuoco come non mai. Meno pompieri, più incendi. E' emerso chiaro il fallimento del vergognoso carrozzone mangiasoldi all'italiana, imperniato sul volontariato di protezione civile e su chi va a spegnere i fuochi a chiamata".

In un passaggio in particolare, il Conapo sostiene che "bisogna avere il coraggio di far emergere il fatto che governi e sindacati si pregiano di aprire sedi di vigili del fuoco volontari (ma retribuiti) anziché potenziare il personale effettivo permanente, e questo, in alcune aree dell'Italia dove in molti non hanno un lavoro per sostenere la propria famiglia, può facilmente innescare un meccanismo pericoloso, perverso e precario di "lavoro a chiamata", anche nel senso che, più brucia e più si guadagna. Le stesse considerazioni, se non peggio, si adattano anche ai pseudo volontari (non vigili del fuoco) e ai pseudo operai stagionali forestali che al verificarsi dell'incendio vengono impiegati con remunerazione. Ma la colpa non è loro, o perlomeno lo è in percentuale infinitesimale; la colpa grave è di chi ha creato questo sistema perverso cha qualcuno addirittura arricchisce".

Il comunicato per intero si può scaricare in Pdf dal link sottostante.

Il comunicato del Conapo

In Evidenza

Potrebbe interessarti

conapo, denuncia forte sul "business" degli incendi

LeccePrima è in caricamento