Domenica, 1 Agosto 2021
Cronaca

Concorso per vigili, preselezione blindata. Ronde intorno a Ecotekne

I posti a disposizione sono 32. Il comandante del corpo, Donato Zacheo, vuole chiudere l'intero iter entro l'anno. Il 4 luglio saranno in 3mila 653 a rispondere a 60 quesiti di cultura generale. Subito resi noti gli ammessi

Da sinistra, Donato Zacheo, Luca Pasqualini e Francesco Magnolo.

 

LECCE – I nomi dei 320 candidati che supereranno la preselezione del concorso per vigili urbani saranno resi noti il giorno stesso della prova, che si svolgerà il 4 luglio presso i plessi E (Economia), Y (Ingegneria), R (Giurisprudenza) del campus di Ecotekne, sulla via per Monteroni. Grazie ad una procedura totalmente automatizzata – gestita dall’azienda genovese Cnipec, che ha ricevuto l’affidamento diretto dal Comune di Lecce –, i 3653 ammessi dovranno attendere solo il tempo necessario al lettore automatico per effettuare la correzione dei 60 quesiti a risposta multipla che saranno sorteggiati tra i 180 possibili, suddivisi in tre plichi.

Alle 14 inizieranno le operazioni di identificazione: la commissione concorsuale ha chiarito che i candidati non potranno portare null’altro che il documento di identità. Pattuglie di vigili urbani controlleranno la zona circostante per evitare che ci siano contatti impropri tra aspiranti membri della polizia municipale e audaci suggeritori. La commissione concorsuale, che si è insediata questa mattina, è composta dal comandante del corpo, Donato Zacheo, in qualità di presidente, dall’avvocato Giuseppe Alemanno, dal vice questore Sandra Meo e dal segretario Francesco Goffredo. Una volta terminato il riconoscimento, la prova inizierà contestualmente nei tre siti e dovrebbe durare un'ora. Tutti gli aspiranti saranno indirizzati nell'edificio di destinazione da un sistema di indicazioni predisposto agli ingressi di Ecotekne, in modo da evitare il concentramento presso un unico plesso. 

I dettagli della prova di preselezione sono stati resi noti nel corso di una conferenza stampa a Palazzo Carafa che ha visto la partecipazione del colonnello Zacheo, dell’assessore alla Polizia municipale, Luca Pasqualini e del dirigente al Personale, Francesco Magnolo. I 320 più bravi nel rispondere alla domande esclusivamente di cultura generale saranno ammessi alle vere e proprie prove concorsuali, una scritta e poi quella orale (preceduta dalla valutazione dei titoli), solo dopo la verifica formale dei requisiti richiesti dal bando. Dalla prova del 4 luglio, intanto, ha specificato il dirigente, sono stati esclusi solo coloro che avevano commesso palesi errori di forma,  per esempio inviando la documentazione richiesta oltre il termine stabilito.

Il concorso per agenti di polizia municipale, annunciato da tempo, ha creato molte aspettative ed altrettante polemiche, tanto che le opposizioni avevano nei mesi scorsi chiesto al sindaco Paolo Perrone di sospendere le procedure per evitare una “pericolosa” sovrapposizione con la tornata elettorale, dopo aver preso atto che tutto l’iter non si sarebbe potuto concludere prima del voto del 6 e 7 maggio.

Sono 32 i posti a disposizione, di cui un terzo riservato a categorie particolari di cittadini. I nuovi agenti di polizia municipale saranno assunti a tempo indeterminato, con orario part-time. Attualmente il corpo guidato da Zacheo dispone di 109 unità, di cui due prossime al pensionamento. Un tenente e due marescialli sono distaccati in maniera costante presso la procura della Repubblica, con compiti di polizia giudiziaria.

Un organico che rimarrà comunque in sottonumero anche dopo l’espletamento del concorso, dal momento che la normativa regionale, sulla base di una proporzione con la popolazione residente, prevede un vigile ogni 500 abitanti. A Lecce, dunque, ce ne vorrebbero 180. Ma il blocco delle assunzioni imposto a livello nazionale, oltre alla ristrettezze economiche del Comune, non lascia presupporre una normalizzazione della dotazione di personale. Nonostante questo quadro, comunque, Zacheo ha tenuto a precisare che solo nel capoluogo salentino e a Bari, in tutta la Puglia, vengono effettuati turni su 24 ore. Il comandante ha ribadito l'impegno a chiudere il concorso entro l'anno in modo da consentire l'entrata in servizio delle nuove unità dal 2013.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Concorso per vigili, preselezione blindata. Ronde intorno a Ecotekne

LeccePrima è in caricamento