Mercoledì, 4 Agosto 2021
Cronaca

Due anni di reclusione per la maestra accusata di abusi nella scuola dell’infanzia

Pena sospesa per la docente per la donna, poi sospesa dall'insegnamento, al centro di un'inchiesta partita dalle denunce di alcuni genitori. Ad avallare le ipotesi il racconto di una bidella, l'incidente probatorio, ma anche lividi sui corpi dei bimbi

LECCE – Ha patteggiato una condanna a due anni di reclusione (pena sospesa) la docente della scuola dell’infanzia al centro di un’inchiesta su presunti abusi e molestie avvenuti in una scuola materna del nord Salento. La sentenza è stata pronunciata dal gip Alcide maritati, dopo il parere favorevole espresso dal pubblico ministero Carmen Ruggiero. Una sentenza che ha tenuto conto dei problemi palesati dalla donna, del tenore dei fatti e della circostanza che la stessa fosse incensurata. Si è voluto, inoltre, evitare il processo per scongiurare altri problemi alle piccole vittime, già provate dalla vicenda.

A dare avvio alle indagini, condotte dai carabinieri, le denunce e gli esposti dei genitori di alcuni bimbi, che hanno raccolto i racconti sospetti dei loro figlioli. Racconti di strani giochi organizzati da una delle maestre, che avrebbe avuto in alcuni occasioni atteggiamenti morbosi nei confronti dei piccoli alunni. Atteggiamenti che sarebbero sfociati in molestie di natura sessuale.

Ad avallare le ipotesi, fra le altre cose, la scoperta fatta, quasi per caso, da una bidella, entrata all'improvviso in un'aula. La conferma di questi terribili sospetti sarebbe arrivata anche da alcuni lividi ed ematomi rinvenuti dai genitori sui corpicini dei bimbi, specie in prossimità dei genitali. Le denunce, affidate a un legale, sono confluite in un fascicolo d’inchiesta affidato al sostituto procuratore della Repubblica di Lecce Carmen Ruggiero, che ha coordinato le indagini.

Il nome della maestra è stato poi iscritto nel registro degli indagati. Conferme degli abusi sarebbero arrivate anche in sede di incidente probatorio. La donna ha prestato servizio prima in una scuola materna di Veglie poi di Squinzano. La vicenda, molto chiacchierata in paese, è finita all’attenzione del Provveditorato agli studi, che ha ricevuto una relazione sulla triste vicenda per l’adozione di provvedimenti di natura disciplinare. La maestra è stata poi sospesa dall’insegnamento.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Due anni di reclusione per la maestra accusata di abusi nella scuola dell’infanzia

LeccePrima è in caricamento