Lunedì, 14 Giugno 2021
Cronaca

Confermati 190 mila euro per oratori e associazioni

Sono 51 i soggetti che beneficeranno dei fondi della Provincia di Lecce. La graduatoria resa nota già a marzo: l'obiettivo è finanziarie attività di sostegno alle famiglie deboli e ai giovani

Al centro, l'assessore provinciale Filomena D'Antini Solero (foto d'archivio).

LECCE - La Provincia ha confermato l'impegno per 190 mila euro sulle politiche a favore di giovani e famiglie attraverso le attività degli oratori, già deliberato a metà marzo (https://www.lecceprima.it/articolo.asp?articolo=26386). Lo ricorda l'assessore provinciale alle Politiche sociali Filomena D'Antini Solero dopo che il parroco di Giorgilorio, don Antonio Murrone ha messo in evidenza la necessità di maggiori risorse. Secondo l'esponente di Giutna, infatti, "solo ponendo al centro dell'agire politico amministrativo, così come la Provincia presieduta da Antonio Gabellone sta facendo, la famiglia ed i giovani si riesce ad incidere sulla crescita valoriale e sociale delle nuove generazioni".

"La Provincia di Lecce - specifica la D'Antini Solero - ha finanziato 51 progetti presentati dagli oratori ubicati sul territorio provinciale, volti a favorire le attività finalizzate alla crescita sociale ed educativa dei minori, degli adolescenti e dei giovani. Anche il sostegno economico derivante dall'accesso al microcredito di solidarietà, con cui la Provincia si è accollata tutti gli interessi passivi, rappresenta un ulteriore prova di come l'amministrazione Gabellone con azioni concrete interviene questa volta anche sulle famiglie che rappresentano le nuove povertà del terzo millennio, quelle la cui fonte di reddito è rappresentata dagli ammortizzatori sociali; è in questi giorni infatti al vaglio diUnicredit la valutazione di 206 domande presentate dai salentini e che sono state già vagliate dalla Provincia per ciò che attiene ai requisiti di carattere sociale".

"La crisi valoriale ed economica che attanaglia il nostro Paese non può lasciarci indifferenti, ecco perché l'ente ha istituito il Centro Risorse per la Famiglia, un centro a cui si sono rivolte e si rivolgono numerose famiglie in crisi per ricevere supporto alla genitorialità. Mettere al mondo figli, infatti, non è e non deve essere un atto di egoismo, ma un atto mosso da consapevole scelta di voler amare i nostri figli puntando sui valori dell'etica sociale. Ecco perché - conclude l'assessore - mi batto tanto per la conciliazione vita - lavoro, attivando progetti sui Patti sociali di genere che consentono alle mamme di trascorrere ore in più con i propri figli".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Confermati 190 mila euro per oratori e associazioni

LeccePrima è in caricamento