Cronaca

Confermato il sequestro per presunto abusivismo dell'area del Twiga Otranto

La pronuncia del Riesame depositata questa mattina: il 15 maggio i sigilli apposti dai carabinieri e dalla polizia provinciale

LECCE – Il sequestro del cantiere dello stabilimento balneare di Otranto destinato a ospitare il marchio Twiga è stato confermato dai giudici del Tribunale del Riesame (presidente Verderosa, relatore Gatto, Capano a latere).

Il collegio ha depositato questa mattina la decisione dopo il dibattimento di ieri alla presenza del sostituto procuratore Antonio Negro e degli avvocati Adriano Tolomeo, Antonio De Mauro, Andrea Sticchi Damiani e Giulio De Simone che difendono Raffaele De Santis per Cerra srl e Pierpaolo Cariddi, progettista e direttore dei lavori, indagati per abusivismo edilizio e occupazione abusiva di demanio.

I sigilli, a titolo probatorio, sono stati apposti il 15 maggio in località Cerra, a Otranto, dai carabinieri della sezione di polizia giudiziaria del tribunale e dagli agenti della polizia locale dipendente dalla Provincia di Lecce intervenuti su disposizione dell’autorità giudiziaria: contestati sbancamenti, spianamenti, lavori edili e modifiche allo stato dei luoghi, il tutto ritenuto in violazione della normativa vigente e in difformità con le autorizzazioni concesse.

Dopo il sequestro l’imprenditore Flavio Briatore ha sospeso l’accordo per la concessione del marchio Twiga alla Cerra che, a sua volta, per bocca di De Santis ha annunciato il congelamento di 60 posizioni lavorative necessarie per l’avvio della stagione. La pronuncia del Riesame implica lo stop ai lavori e dunque pone in seria ipoteca l'avvio della stagione per lo stabilimento del litorale otrantino destinato ad una clientela di lusso.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Confermato il sequestro per presunto abusivismo dell'area del Twiga Otranto

LeccePrima è in caricamento