Conflitto a fuoco dopo la rapina, giudizio abbreviato per la banda

Sarà discusso il prossimo 24 febbraio il giudizio con rito abbreviato per i quattro uomini coinvolti nella sanguinosa rapina avvenuta a Lequile il 6 febbraio scorso. L'auto su cui viaggiavano due carabinieri fu crivellata di colpi. Nella sparatoria uno dei rapinatori rimase ferito

LECCE – Sarà discusso il prossimo 24 febbraio il giudizio con rito abbreviato per i quattro uomini coinvolti nella sanguinosa rapina avvenuta a Lequile il 6 febbraio scorso. La Procura, del fascicolo è titolare il sostituto procuratore Carmen Ruggiero, aveva chiesto il giudizio immediato per Fabrizio Maniglia, 46enne di San Cesario di Lecce (ultimo uomo finito in manette dopo essersi consegnato spontaneamente ai carabinieri del Nucleo investigativo di Lecce); Alessandro Aprile, 35enne di San Cesario di Lecce; Vincenzo De Benedictis, 33enne di San Pietro in Lama; e Antonio Ape, 45enne di San Cesario di Lecce. I quattro, assistiti dagli avvocati Luigi e Roberto Rella, e Giancarlo Dei Lazzaretti, hanno scelto però il rito alternativo dinanzi al gup Antonia Martalò

Gli uomini diretti dal capitano Biagio Marro, non avevano mai dato tregua al gruppo, artefice di un assalto per un bottino di poco meno di mille euro nell’agenzia assicurativa “Vittoria” di largo San Vito, seguito da un conflitto a fuoco all’arrivo dei militari della stazione di San Pietro in Lama. Quel giorno d’inizio mese, quando la pattuglia fu colpita da una raffica di spari, la risposta delle forze dell’ordine fu immediata. La Grande Punto dei militari fu letteralmente crivellata di colpi. Il successivo inseguimento si concluse con il ferimento di un membro della banda e la fuga degli altri.

A essere ferito fu Alessandro Aprile, 35enne di San Cesario di Lecce (poi operato d’urgenza presso l’ospedale “Vito Fazzi”), quella stessa notte fu catturato, grazie anche alla collaborazione della squadra mobile della polizia, uno dei fuggiaschi, Vincenzo De Benedictis, 33enne di San Pietro in Lama. Poi il terzo arresto, quello di Antonio Ape, 45enne di San Cesario di Lecce. Infine la costituzione di Maniglia presso la caserma dei carabinieri. I reati contestati sono rapina aggravata, duplice tentato omicidio, detenzione e porto abusivo di armi e ricettazione.

I due carabinieri coinvolti nella sparatoria si sono costituiti parte civile con l’avvocato Pompeo Demitri e Domenico Bitonto, che hanno avanzato una richiesta di risarcimento di 150mila euro. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragica alba, podista viene travolto da un furgone: morto sul colpo

  • Ladri nell’alloggio della caserma, rubata pistola d’ordinanza con caricatore

  • “Vai a casa mia e sposta tutto”. Ma vedono il messaggio e trovano la droga

  • Palpeggia ragazza, inseguito dal padre perde il cellulare. E viene identificato

  • Colpo in testa e via con i soldi: portiere dell’hotel aggredito per rapina

  • Durante la rapina minaccia di morte la cassiera con l’arma: arrestato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento