Conti fittizi per prosciugare i clienti, dovrà risarcire 460mila euro

L'Unicredit di Leverano ha già versato le somme sottratte ai propri correntisti. E ora un 49enne deve rimborsare l'istituto e pagare per il danno morale a chi si è costituitito parte civile

LECCE – Il sistema era tanto illecito quanto redditizio: grazie alla sua mansione di funzionario della banca Unicredit (della filiale di Leverano) aveva accesso ai dati personali di alcuni clienti, di cui si impossessava. Poi, creava un conto corrente fittizio su cui spostava denaro proveniente dai disinvestimenti operati sul deposito titoli.

In un caso, ai danni di una ignara cliente, oltre 79mila euro, in un altro 20mila e ancora 42mila. Per completare il suo progetto criminale si faceva rilasciare, a nome dei clienti truffati, alcune carte bancomat, con cui poteva prelevare a piacimento (prelievi anche giornalieri da mille e 750 euro). Non solo, si impossessava di un carnet di assegni che utilizzava in due casi, eseguiva bonifici dai conti di altri clienti, prelevava la somma di oltre 105mila euro falsificando la firma di un correntista. Un flusso costante di denaro (per una cifra di oltre 200mila euro) che viaggiava dalle casse della banca e dai conti correnti dei clienti versi le sue tasche. I fatti contestati risalgono al periodo tra il 2006 e il 2012.

Protagonista di questa complessa vicenda di truffe, un 49enne leccese Alessandro Serratì, al centro dell’inchiesta coordinata dal sostituto procuratore Stefania Mininni. Il processo nei confronti del 49enne, assistito dall’avvocato Giuseppe Corleto, si è concluso con una condanna a tre anni e sei mesi di reclusione e 700 euro di multa per truffa aggravata e furto aggravato. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Serratì è stato anche condannato a risarcire l’Unicredit spa, che si è costituita parte civile con l’avvocato Amilcare Tana, con 400mila euro. La banca, infatti, ha già provveduto a risarcire i clienti truffati. L’imputato dovrà inoltre risarcire le altre tre parti civili (assistite dagli avvocati Viola Messa e Giuseppe Romano) con 20mila euro ciascuno per il danno morale. La sentenza è stata emessa dal giudice Sergio Tosi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prima svolta, preso il presunto killer di Eleonora e Daniele

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Preso presunto assassino: fascette per torturare le vittime e un piano folle per l’omicidio

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento