Mercoledì, 22 Settembre 2021
Cronaca Specchia

Continuano le ricerche di Noemi, si indaga per sequestro di persona

Nel pomeriggio vigili del fuoco e protezione civile sono tornati nei dintorni di Specchia, da cui la 19enne è svanita ne nulla nove giorni fa

LECCE – Sono ore frenetiche nel Pca (Posto di comando avanzato) allestito nel centro di Specchia per le ricerche di Noemi Durini, la 16enne scomparsa dal 3 settembre. Nei locali messi a disposizione dal sindaco di Specchia, Rocco Pagliara, è stata allestita la struttura di coordinamento, che ha il compito di garantire un rapido collegamento tra le forze in campo al fine di supportare le operazioni di ricerca. Ricerche che sono proseguite anche in mattinata per poi riprendere nel primo pomeriggio nei dintorni di Specchia, con il supporto dei vigili del fuoco (con l’ausilio dei cani molecolari) e della protezione civile. Della 16enne, però, ancora nessuna traccia. Poco dopo le 14 hanno raggiunto il Pca anche la mamma e la sorella di Noemi. Una breve apparizione, forse per ricevere aggiornamenti sulle ricerche, prima di tornare a casa e fuggire dall’assedio mediatico di questi tristi giorni di attesa e speranza.

Sul fronte delle indagini, su cui gli inquirenti mantengono il più stretto riserbo, si continua a scavare nella vita della ragazza scomparsa. Due i fascicoli aperti dalle Procure (ordinaria e per i minorenni) per sequestro di persona a carico di ignoti. Quello del rapimento è solo una delle ipotesi al vaglio della magistratura e dei carabinieri. Ieri i militari hanno sentito a lungo il fidanzato della 16enne (come persona informata sui fatti), per ricostruire le ore precedenti alla scomparsa della ragazza. Un vero ciclone ha travolto la vita del 17enne, tra sospetti, accuse, illazioni e voci incontrollate e la pubblicazione di un video che lo ritrarrebbe in un momento d’ira. Dai social network alla piazza del paese si rincorrono supposizioni e dicerie sul rapporto tra i due adolescenti, che qualcuno definisce turbolento (come del resto spesso avviene a quell’età) e malvisto ai rispettivi famigliari. Elementi che al momento non sembrano avere molto peso specifico sul fronte investigativo.

Resta il mistero di una 16enne svanita nel nulla, senza vestiti, cibo, denaro e documenti. Elementi che farebbero supporre che Noemi si sia allontanata, volontariamente o meno, con qualcuno che l’avrebbe poi condotta in un altro luogo. Per questo le ricerche si concentrano anche su casolari ed edifici abbandonati in tuta la zona del basso Salento, così come in pozzi e voragini che indicherebbero però un finale ben più tragico.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Continuano le ricerche di Noemi, si indaga per sequestro di persona

LeccePrima è in caricamento