Controlli a raffica nell'area di Casarano: tre arresti per droga e otto denunce

Per tutta la settimana i militari hanno svolto perquisizioni e posti di blocco. Trovati in particolare marijuana e la sempre più presente cocaina

CASARANO – Tre arresti e svariate denunce. E’ quanto avvenuto nel corso di una settimana di controlli serrati messi in atto dai carabinieri della compagnia di Casarano su tutto il territorio di loro competenza. Gli uomini diretti dal capitano Massimiliano Cosentini, hanno organizzato servizi coordinati di controllo del territorio, sia per strada, anche con posti di blocco, sia attraverso varie perquisizioni, avvalendosi della collaborazione del nucleo cinofilo di Modugno.

Tre arresti per spaccio

I tre arresti riguardano in tutti i casi la detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. I carabinieri della sezione operativa del Nor di Casarano e i colleghi di Taviano hanno fermato Federico Foccillo, 36enne. A bordo della sua Mercedes, aveva sei involucri contenenti 9,10 grammi di cocaina, nascosti nel vano portaoggetti anteriore, più 330 euro in contanti.

Ad Alliste, invece, nei guai è finito Lelio Rizzo, 59enne. Durante una perquisizione, è stato trovato con un involucro contenente 1,2 grammi di cocaina (era nella custodia di un bilancino di precisione), una busta di cellophane con 127 grammi di marijuana e materiale per il confezionamento dello stupefacente. Di nuovo a Taviano, è stato fermato Stefano Tanisi, 28enne. Era a bordo di una Fiat Panda e aveva quattro involucri contenenti 3,4 grammi di cocaina e 135 euro in contanti. Tutti e tre inizialmente posti ai domiciliari, gli arresti sono stati convalidati, dopodiché sono stati rimessi in libertà.

Otto denunce per vari reati

In altri casi, s’è proceduto con denunce a piede libero. A Taviano, nei confronti di S.M., che in casa aveva 1,22 grammi di marijuana e 4,70 di hashish. A Ugento, invece, nei guai è finito F.L., sorpreso con  110 grammi marijuana e vario materiale per il confezionamento. A Ruffano, invece, denunciato M.S.: aveva una carabina ad aria compressa Diana, modello 21, priva di matricola, una baionetta Bern (questa con matricola) e due vasetti in vetro contenenti 40 grammi di marijuana.

Di furto di energia elettrica rispondono, invece, a Taurisano, M.D. e P.A.. Durante un controllo, i carabinieri della stazione locale e i tecnici dell’Enel hanno riscontrato una derivazione abusiva tramite by pass con allaccio diretto al contatore. Possesso incustodito e ingiustificato di munizionamento è, invece, il reato contestato a M.A., di Racale. In auto aveva quindici cartucce calibro 12.

In altri due casi sono scattate denunce per guida sotto influenza di sostanze stupefacenti e alcool.  Sei, invece, i segnalati in Prefettura per uso non terapeutico di sostanze stupefacenti. Oltre 75 le per violazione del codice della strada, i più per non aver allacciato le cinture di sicurezza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violento schianto in centro, coinvolto il musicista Nando Popu

  • Carabiniere e “Le Iene” sott’accusa, chiesti 100mila euro di risarcimento

  • Spaccio di droga: in 14 a processo. Tra loro l’imprenditore dei vini Gilberto Maci

  • Nuova ondata di maltempo: allerta arancione in attesa delle violente raffiche di vento

  • Buco sul muro del negozio di abbigliamento nel centro commerciale: il furto fallisce

  • Violentò la figlia e nacque una bambina: il padre condannato a 30 anni

Torna su
LeccePrima è in caricamento