menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Giro di vite su Baia Verde e dintorni: raffica di denunce, ben sette per furti

Fra questi, due ercolanesi che rubavano collanine nelle discoteche. Controlli, sanzioni e sequestri anche nei lidi balneari

GALLIPOLI – Giro di vite fra Gallipoli (specie nella zona di Baia Verde, epicentro della movida) e lungo tutto il litorale ionico, quindi comprendendo le marine che fanno capo a Sannicola, Galatone e Nardò. I carabinieri della compagnia di Gallipoli hanno svolto negli ultimi giorni un servizio a largo raggio per frenare fenomeni quali furti e spaccio di stupefacenti.

Ultimamente gli episodi gravi si sono sprecati, nella zona, a partire dalle due risse che hanno coinvolto una trentina di giovani turisti, danneggiamenti e vandalismo che hanno portato i residenti sul piede di guerra, persino una presunta violenza sessuale ai danni di una ragazza umbra per la quale proprio i carabinieri stanno svolgendo indagini.

Consumo e spaccio di droga

Ecco, dunque, un primo bilancio di diverse attività svolte dalla compagnia comandata dal capitano Francesco Battaglia. Attività svolte in un arco temporale che volge fra l’ultima settimana di luglio e il primo weekend di agosto e che hanno portato a ventitré segnalazioni alla prefettura per uso personale di stupefacenti, soprattutto hashish e marijuana, e in quattro casi anche cocaina. La fascia media di consumatori, si aggira tra i 18 e i 25 anni, anche se fra i segnalati vi sono stati pure diversi minorenni. Sono due invece i denunciati a piede libero per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti: un 47enne di Gallipoli, trovato con 43 grammi di marijuana e 1 di hashish addosso, dopo perquisizione, e un uomo di Matino con 3 grammi di cocaina.

Furti e altri reati, dieci denunciati

Sono state poi sette, solo nell’ultima settimana, le persone identificate dai carabinieri e denunciate a Gallipoli per furto, non solo a Baia Verde.Qui sono stati deferiti un ragazzo di 26 anni senegalese, per aver strappato dalle mani di un turista norvegese il proprio telefono cellulare, immediatamente rinvenuto addosso al ladro e restituito al turista scandinavo, ma, soprattutto, due ragazzi di Ercolano, in provincia di Napoli, uno di 29 anni e l’altro di 27.

A fermarli, i militari dell’aliquota radiomobile dopo un furto nei pressi della discoteca Praja di due collane d’oro dal collo di due turisti. Addosso avevano altre sei collane, anch’esse in oro, per un peso complessivo di 107 grammi e dal valore stimato di circa 4mila, molto probabilmente anche queste rubate. Sono in corso gli accertamenti per rintracciarne i proprietari. E non va scordato che in un’altra discoteca, il Rio Bo, il 30 luglio scorso si è verificata la rapina di una collanina usando in quel caso spray urticante. Difficile dire se gli autori siano stati sempre gli stessi giovani, anche se il sospetto potrebbe venire.

Altre denunce per furto hanno riguardato un 35enne di Sannicola, accusato di aver sottratto cavi di rame e utensili vari dall’interno di un’abitazione in costruzione nella frazione di San Simone, un 44enne di Copertino, per aver sottratto vari attrezzi da parrucchiere, per un valore di circa 4mila euro, dall’interno di un esercizio commerciale e, sempre a Copertino, due donne, entrambe 43enni, per aver rubato alcuni monili in oro dall’interno di un’abitazione.

Ancora: nei guai un 75enne siciliano e un 19enne campano, sono stati denunciati per due truffe on line, in quanto, dopo aver messo in vendita rispettivamente alcuni telefoni cellulari e una biciletta, dopo aver ricevuto il denaro sulle proprie carte postepay, non hanno inviato la merce. Un uomo di 74 anni di Aradeo, infine, durante un controllo alla circolazione stradale, è stato poi sorpreso alla guida del proprio veicolo con un tasso alcolemico di 2.08 grammi per litro. Ha subito il ritiro della patente di guida ed è scattata la denuncia per guida in stato di ebbrezza.

Controlli ai lidi: fioccano sanzioni

Per quanto riguarda i controlli ai lidi sul litorale gallipolino, con il contributo dei carabinieri del Nas, del Nil e forestali di Lecce e Gallipoli, sono stati controllati due lidi balneari di Baia Verde. Al primo è stata contestata una sanzione amministrativa di 400 euro per il mancato distanziamento dei lettini; al secondo è stato riscontrato l’omesso uso dispositivi protezione individuale per quattro dipendenti addetti alla ricezione del pubblico, con sanzione di mille e 600 euro. Sanzione anche per occupazione abusiva di suolo demaniale. Ventisette ombrelloni e quattro sdraio posti abusivamente, su un’area demaniale di circa 300 metri quadri, sono stati sequestrati.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento