Gazebo e tavoli abusivi sulle mura di Gallipoli: partiti i primi controlli

Le forze dell’ordine hanno eseguito verifiche, per tre giorni, lungo i bastioni della fortezza. Ora attendono le rielaborazioni da parte dell’Ufficio tecnico

Le mura del centro di Gallipoli

GALLIPOLI – Lotta al commercio abusivo e all’occupazione del suolo pubblico, a Gallipoli. Dal 15 al 18 giugno scorsi, infatti, gli agenti del commissariato di polizia hanno eseguito dei controlli mirati, in collaborazione con i carabinieri, la guardia di finanza e la polizia locale. Sono state sottoposte a verifica decine di attività tra negozi di oggettistica e ristoranti del cuore della Città Bella, rilevandone la superficie occupata e documentando le operazioni compiute. Gli inquirenti hanno anche proceduto, in un secondo momento, a misurare le strutture poste all’esterno, tra cui i gazebo, per valutare l’effettiva occupazione delle porzioni di strada.

Alcuni esercizi sono risultati in regola, per altri invece sono state riscontrare difformità. In un caso, per esempio, non sono state rispettate le distanze tra i tavoli e la cinta muraria della città, bloccando il passaggio dei pedoni. Le forze dell’ordine hanno setacciato anche la zona di Riviera Colombo, Diaz e Nazario Sauro, per controllare le bancarelle di souvenir e le trattorie lungo le mura della fortezza. Sono in corso degli accertamenti, in collaborazione con l’Ufficio tecnico del Comune di Gallipoli, per comparare i vari dati dei rilievi e procedere con l’eventuale contestazione dei reati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La Polizia di Stato, inoltre, ha proceduto a denunciare un individuo, accusato di aver lanciato dei sassi, contro un edificio, durante un servizio di protesta. Risponderà, infatti, di porto abusivo di oggetti atti ad offendere un 17enne di Lecce. Il giovane è stato fermato dalla Divisione anticrimine della questura leccese lo scorso 5 maggio, davanti agli uffici della Provincia in via Miglietta. In quell’occasione, si stava svolgendo una manifestazione di protesta contro l’installazione di una centrale a biometano nella zona di Monteroni di Lecce. Il 17enne, munito di fionda, ha gettato delle pietre contro i vetri dell’immobile, ma è stato braccato dagli agenti che hanno assistito alla scena.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento