rotate-mobile
Venerdì, 28 Gennaio 2022
Cronaca

Controlli green pass su bus di linea e treni: a Lecce una sanzione in stazione

L’attività avviata su tutto il territorio nazionale dal comando carabinieri per la tutela della salute estesa ance al Salento. Nas e militari in azione nelle stazioni ferroviarie del capoluogo, di Maglie e Otranto. Una multa di 533 euro per il mancato controllo della temperatura dei viaggiatori

LECCE - Il comando carabinieri per la tutela della salute, di concerto con il ministero della Salute, ha svolto nella giornata di ieri un’intensa e attività di controllo, a livello nazionale, sui mezzi di trasporto a lunga percorrenza, bus di linea e treni in particolare al fine di accertare la corretta fruizione ed accesso degli utenti e passeggeri, nonché l’obbligo da parte dei vettori di verificare il possesso del green pass.

In provincia di Lecce, nello specifico, tale attività ha visto impegnati i militari del Nucleo Nas di Lecce, insieme al personale dell’Arma del comando provinciale di Lecce, che hanno eseguito controlli specifici presso le stazioni ferroviarie di arrivo e partenza a Lecce, Otranto e Maglie.

Da quanto reso noto nel bilancio dell’attività di verifica solo su un mezzo presso la stazione di Lecce è stata accertata una violazione per l’omesso controllo della temperatura dei viaggiatori in quanto sprovvisti di termometro o altro sistema di rilevazione. La sanzione contestata è stata pari a 533,33 euro, con l’aumento di un terzo perchè commessa a bordo di un veicolo. 

A livello nazionale sono stati effettuati controlli a tappetto presso 92 stazioni e aree di partenza e arrivo, sottoponendo alla verifica 371 bus di linea e automezzi di aziende di trasporto dedicati ai collegamenti interregionali e nazionali. Gli accertamenti hanno determinato l’individuazione, tra i circa 8mila fruitori controllati, di 21 violazioni all’obbligo del green pass, contestate rispettivamente a 8 responsabili e delegati delle aziende di trasporto per la mancata verifica e nei confronti di 13 utenti risultati privi di regolare certificazione verde.

Nell’occasione, gli interventi dei Nas  sono stati estesi anche alla corretta applicazione delle restanti misure di contenimento alla diffusione del covid-19, contestando ulteriori 22 violazioni per la mancata attuazione delle operazioni di sanificazione dei mezzi, la mancanza di dispenser e di prodotti disinfettanti per le mani, l’omesso controllo della temperatura dei passeggeri ed il mancato uso delle mascherine.

I controlli dei Nucleo anti sofisticazioni, dedicati alla verifica dell’obbligo del green pass, proseguiranno su tutti i settori interessati anche nei prossimi giorni: ad oggi sono state contestate complessivamente 171 violazioni per un ammontare di 68.400 euro, delle quali, oltre a quelle sanzionate ieri sui bus, 74 hanno riguardato bar e servizi di ristorazione, 47 palestre, piscine, centri benessere e 24 sale scommesse e sale giochi. I controlli riguarderanno anche il territorio salentino anche in occasione della riapertura di tutti gli istituti scolastici dalla prossima settimana.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Controlli green pass su bus di linea e treni: a Lecce una sanzione in stazione

LeccePrima è in caricamento