Controlli in città, quattro fermati con precedenti: uno finisce in arresto

Giro di vite anche sulla prostituzione in piazzale Rudiae e nelle sale giochi. Continua l'offensiva della questura a Lecce

LECCE – Continua l’operazione “Legalità diffusa ad oltranza” voluta dal questore di Lecce, con una serie di servizi a largo raggio in varie zone del centro cittadino: nel mirino, immigrazione clandestina, spaccio di stupefacenti e prostituzione.

Agenti della Sezione volanti, del Reparto prevenzione crimine, della Squadra mobile e della Divisione immigrazione, hanno effettuato controlli in tre sale giochi, due situate in zone periferiche della città e una in centro. Il controllo si è svolto sotto il profilo amministrativo ed ha anche riguardato gli avventori, diciannove dei quali sono risultati con precedenti penali.

E’ stata perlustrata anche la zona della stazione, del convitto Palmieri e del centro storico. Il controllo si è poi svolto in piazzale Rudiae, dove si registra la presenza di prostitute, soprattutto in ore serali e notturne e, proprio nel piazzale sono state identificate una prostituta nigeriana, una albanese ed una rumena, su cui pende un provvedimento di allontanamento.

In via Foscarini, invece, è stata controllata un’autovettura, risultata poi noleggiata, a bordo della quale viaggiavano quattro uomini. Gli agenti hanno verificato che trattava di cittadini della provincia di Brindisi e che avevano numerosi precedenti per stupefacenti, armi, reati contro il patrimonio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A tre di loro è stato irrogato foglio di via obbligatorio con divieto di fare ritorno in provincia di Lecce per tre anni. Il quarto, un 23enne con numerose condanne e precedenti anche gravi per rapina, incendio, lesioni dolose aggravate, è stato arrestato perché a suo carico vi era anche una sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno nel comune di San Pietro Vernotico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

  • Giovane turista fa il bagno e sul fondale ritrova bacino in ceramica del XIV secolo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento