menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio.

Foto di repertorio.

Controlli anti assembramento nei locali della "movida": multe per migliaia di euro

Verifiche in centro città e in provincia. Sanzioni salate per i commercianti: trovati non in regola con altri obblighi

LECCE – Contro gli assembramenti della “fase 3” predisposti già dei controlli: fioccano le prime multe in città e in provincia. In realtà, gli aspetti non in regola non sono stati riscontrati circa la normativa anti contagio. Sono altri gli obblighi che alcuni esercenti avrebbero trasgredito.  Nello scorso fine settimana, le verifiche da parte degli agenti di polizia della questura si sono concentrate nelle vie della “movida” leccese: Piazza S. Oronzo, Piazza Mazzini, Porta Rudiae e porta San Biagio. Particolare attenzione nella zona compresa tra Convitto Palmieri e via Guglielmo Paladini dove hanno sede numerosi locali notturni frequentati dai giovani.

Sono 113 i cittadini identificati, mentre 19 le attività commerciali lontrollate che, nei prossimi giorni, saranno valutate per eventuali contestazioni. Inoltre, nel corso della settimana, i poliziotti hanno effettuato controlli anche in provincia su 678 cittadini e 26 attività commerciali, nel corso dei quali sono state contestate sette  violazioni amministrative a quattro esercizi: due, a titolare e dipendente di un lounge bar, per un totale di circa 7mila e 600 euro. Sono stati accusati di aver somministrato bevande alcoliche oltre l’orario consentito. Il titolare non avrebbe inoltre esposto l’orario di chiusura e apertura del locale. Altre tre contestazioni al proprietario di un “food&drink”, per un totale di quasi 8mila euro perché, oltre ad aver violato le stesse infrazioni del titolare del lounge bar, non era in possesso dell’autorizzazione per l’occupazione del suolo pubblico.

Sanzione anche al proprietario di una caffetteria, per aver proceduto con la vendita dopo l’orario consentito: pagherà 160 euro. Una multa, inoltre, al titolare di un bar per la mancata esibizione del manuale Haccp, per un totale di duemila euro. Altre 40 contestazioni amministrative sono in via di elaborazione da parte del personale della Divisione della polizia amministrativa e sociale e saranno notificate nei prossimi giorni ai titolari degli esercizi commerciali controllati negli ultimi giorni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid nel Salento: incidenza di nuovi casi in chiara ascesa

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cucina

    La domenica: orecchiette al sugo con polpettine

  • Cucina

    Liquore agli agrumi, anice e miele fatto in casa

  • Cucina

    Pasta e patate con caciotta al finocchietto selvatico

  • Cucina

    Risotto ai carciofi con caciotta allo zafferano

Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento