Domenica, 13 Giugno 2021
Cronaca

Conversano in Procura : "Mai sottratto nulla a Mora"

L'ex tronista è stato sentito come persona offesa nell'ambito dell'inchiesta per diffamazione, in cui risulta indagato Lele Mora che aveva accusato Conversano di aver rubato delle carte di credito

foto_(1)-3

LECCE - Nuova puntata della querelle giudiziaria tra Giovanni Conversano, ex tronista di "Uomini e donne", e Lele Mora, agente di molti artisti del piccolo schermo. A dare avvio all'inchiesta erano state alcune dichiarazioni di Mora a marzo scorso, durante il programma televisivo "Pomeriggio cinque", in cui accusava il modello di origini leccesi di avergli rubato delle carte di credito in occasione di una serata in cui Conversano era suo ospite.

Da lì era scattata la denuncia del 32enne ex calciatore delle giovanili del Lecce, e la relativa apertura di un fascicolo per diffamazione a mezzo stampa, di cui è titolare il sostituto procuratore della Repubblica Carmen Ruggiero, che nei giorni scorsi ha convocato l'ex tronista in Procura in qualità di persona offesa. Nella mattinata Conversano si è recato negli uffici giudiziari di viale De Pietro, per essere ascoltato dalla Ruggiero.

Durante l'ascolto, durato circa un'ora, il 32enne leccese ha confermato quanto già evidenziato nella denuncia, spiegando di non aver mai sottratto nulla a Mora, facendo anche delle precisazioni riguardo ai rapporti lavorativi tra i due. Nei mesi scorsi, su richiesta del pubblico ministero, i carabinieri avevano già proceduto ad acquisire la registrazione della puntata oggetto della denuncia, il cui filmato risluta ora agli atti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Conversano in Procura : "Mai sottratto nulla a Mora"

LeccePrima è in caricamento