Controlli della polizia locale, otto sanzioni e tipografia chiusa a Copertino

In diversi casi si è trattato di persone provenienti da fuori comune per spese. Sotto le festività le attività intensificate

COPERTINO – Otto sanzionati un una settimana di controlli, con 460 autodichiarazioni acquisite. E’ il bilancio della polizia locale di Copertino riguardante le violazioni delle norme previste per arginare l’emergenza Covid-19. Nella maggior parte dei casi, hanno rilevato gli agenti, si è trattato di spostamenti non giustificati da alcun motivo plausibile: salute, necessità, emergenza.

L’aspetto particolare? In più di qualche circostanza si è trattato di persone provenienti da altri comuni. Avevano raggiunto Copertino per fare la spesa. Ma, come si sa, ci devono essere comprovati motivi per uscire dai confini del proprio territorio, in questo momento.

E non è tutto. Dopo diverse segnalazioni, la polizia locale copertinese ha svolto un accertamento presso una tipografia e cartoleria. Ebbene, il titolare è stato sanzionato perché, oltre alla merce consentita, vendeva materiale di cancelleria, nonostante vi sia il divieto per quest’ultima tipologia di merce. In questo caso, è scattata anche la sospensione dell’attività per cinque giorni. Alla multa, peraltro, non è sfuggito nemmeno il cliente. Era uscito da casa per l’acquisto di beni diversi da quelli consentiti.

I controlli, in questi giorni, comprendono zone come parchi e giardini pubblici, esercizi commerciali (per la tipologia di merce venduta e per le norme riguardanti il distanziamento interpersonale e il divieto di assembramento). Inoltre, si sta procedendo anche alla sorveglianza attiva per coloro che sono soggetti a provvedimenti d’isolamento domiciliare da parte dell’Asl.

All’attività ordinaria, che comprende anche il controllo nei pressi di uffici postali e banche, si è poi aggiunta anche quella di coordinamento, all’interno del Centro operativo comunale, degli operatori delle associazioni di protezione civile locali. I volontari stanno effettuando attività di ricezione delle telefonate da parte della popolazione in quarantena, di anziani o bisognosi di aiuto, con consegna dei beni a domicilio.

Durante le festività pasquali, infine, l’attività sarà rinforzata.  In questo momento, con la situazione stazionaria, è ancora più importante restare in casa e non vanificare gli sforzi fatti finora. Ma, si sa, le festività rappresentano un forte richiamo che potrebbe portare anche i più ligi a tentare qualche scappatella. E, allora, doveroso intensificare i controlli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fanno sesso, poi diffonde i video e affigge immagini: revenge porn, incastrato

  • “L’eredità”, il concorrente leccese batte il record di puntate da vincitore

  • Mauro Romano, chiuse le indagini sull’ex barbiere: sequestro di persona

  • Rapine con autovetture rubate anche durante il lockdown: in tre agli arresti

  • La lite degenera: spunta pistola a salve, investito con violenza con l’auto

  • Scampato a un agguato con Kalashnikov, accoltella un uomo per motivi di viabilità

Torna su
LeccePrima è in caricamento