Era riverso nelle campagne: sgomento per la morte di un 61enne

Carmelo Lezzi era collaboratore scolastico del "Bachelet". L'ha ritrovato un passante che ha chiamato i carabinieri. Il 118: infarto. Increduli nell'istituto: secondo lutto dopo quello di Emanuele Raganato

COPERTINO – Sono ore di tristezza a Copertino, dove la comunità piange la scomparsa di Carmelo Lezzi. Aveva 61 anni ed era collaboratore scolastico presso il “Bachelet”, l’istituto tecnico commerciale della sua cittadina. Il corpo è stato ritrovato ieri, intorno alle 13,30, in un’area rurale.

E’ stato un “giallo” durato pochi minuti, quello relativo alla morte di Lezzi. Il tempo di svolgere i riscontri e accertare che a stroncarlo è stato un arresto cardiocircolatorio. Il corpo è stato rinvenuto da un passante, riverso per terra, non lontano dalla sua autovettura, in una zona di campagna a ridosso della strada provinciale per Carmiano. Era a un bivio, dove si trova una scultura dedicata a San Giuseppe di Copertino.

Il passante ha subito chiamato i carabinieri. I militari della tenenza sono arrivati sul posto in breve, con i sanitari del 118 a bordo di un’ambulanza. Ma, ormai, non c’era più nulla da fare. Il medico ha accertato il decesso, dovuto a un infarto. Nessun dubbio, tanto che il pubblico ministero di turno, avvisato dai militari, ha disposto la restituzione della salma alla famiglia.

15621942_10206514892429810_1382470892819441655_n-3Moglie e sette figli, una vita dedicata alla famiglia, al lavoro e ai giovani. Carmelo Lezzi era una persona amata e stimata da tutti e molto conosciuta fra Copertino e dintorni, anche per via del suo lavoro e soprattutto per la disponibilità che aveva nei confronti di chiunque. Un grande lavoratore e un amico di tutti, ricordano i suoi parenti. Chi lo conosceva è ancora incredulo per quanto avvenuto. I funerali si svolgeranno domani presso la parrocchia San Cosma e Damiano.

Per l’istituto copertinese è stato un anno davvero difficile, tanto che in queste ore sono comparse dediche sia sulla pagina Facebook, sia sul sito web ufficiale della scuola.

“Dopo Emanuele – si legge - salutiamo con il cuore pieno di dolore il nostro carissimo amico Carmelo Lezzi”. Emanuele Raganato, come purtroppo in molti ricorderanno, è lo studente copertinese morto a soli 16 anni in un tragico incidente stradale avvenuto la sera del 10 novembre scorso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una tragedia impossibile da dimenticare e alla quale ora si unisce questo nuovo lutto, per Carmelo, che rappresentava un pezzo di storia del “Bachelet”. Tanto che oer la scuola la sua è stata “una figura di riferimento”, si legge ancora sul sito. L’istituto, insomma, era la sua seconda famiglia. E la circostanza che il tutto sia avvenuto proprio alla vigilia di Natale, non fa che accrescere lo sgomento fra i parenti e quanti lo conoscevano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L’incredulità a Casarano: "Insospettabile, potrebbe allora accadere a chiunque”

  • Prima svolta, preso il presunto killer di Eleonora e Daniele

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Preso presunto assassino: fascette per torturare le vittime e un piano folle per l’omicidio

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio, il 21enne non nega: “Da quanto mi stavate pedinando?”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento