Sabato, 31 Luglio 2021
Cronaca

Droga e un'arma in casa, aveva chiamato lui il 112 per un furto: in cella

Ulteriore colpo di scena nel caso che vede protagonista un 35enne di Copertino. Aveva telefonato ai carabinieri segnalando un ladro nel giardino, ma, durante il sopralluogo, i militari avevano trovato nell'abitazione del richiedete hashish e una pistola. Già ai domiciliari, il gip l'ha spedito in carcere

COPERTINO – Ieri l’udienza di convalida, con tanto di colpo di scena ulteriore su quello già maturato in prima istanza: dai domiciliari, Alessandro Muscella, 35enne, passa al carcere di Borgo San Nicola. L’uomo, di Copertino, fino a qualche giorno addietro mai un guaio con la giustizia, era stato arrestato dai carabinieri della tenenza alle prime luci dell’alba di sabato. E pensare che era stato lui stesso a chiamarli, dopo aver scorto una sagoma nell’abitazione, alle 3 di notte. Durante il sopralluogo, però, i militari avevano trovato hashish e una pistola, e tanto aveva fatto scattare le manette ai suoi polsi. Per il presunto ladro, invece, sorpreso a sua volta, nelle vicinanze solo una denuncia a piede libero.

Raccontata così, la vicenda sembrerebbe alquanto grottesca – e in parte forse lo è anche -, ma è chiaro che il pubblico ministero ha ritenuto che la situazione fosse più grave di quanto previsto in un primo momento, meritevole di approfondimenti per scoprire se dietro a tutto vi sia qualche dinamica da svelare e per questo ha richiesto al gip Cinzia Vergine che l’indagato fosse condotto in carcere. Convalidando l’arresto dell’uomo, che è difeso dagli avvocati Pantaleo Cannolletta e Laura Alemanno, il giudice ha accordato il trasferimento in cella, di fatto inasprendo il provvedimento.  

MUSCELLA ALESSANDRO-3Tutto, si diceva, è nato dopo la chiamata di Muscella ai militari. I quali, in breve, hanno rintracciato e bloccato un copertinese, Q.A., 28enne, che avrebbe giustificato la sua presenza nel giardino dell’abitazione con una motivazione non del tutto convincente: “Avevo intenzione di fare uno scherzo al proprietario”. Sottoposto a una perquisizione, all’interno dell’auto i carabinieri hanno rinvenuto un manganello e un coltello. Sul momento è stato denunciato per tentato furto. Nel frattempo, con la scusa di capire se in casa fosse stato effettivamente rubato qualcosa, i carabinieri hanno iniziato ad osservare in giro, scoprendo proprio nel giardino della quattro barattoli di vernice con dentro un panetto di hashish di circa un etto e altri 20 grammi  sostanza, suddivisa in dosi più esigue.

All’interno della villetta, invece, i carabinieri hanno trovato una pistola “Walther P38”, corredata di una cinquantina di munizioni. Si tratta di un’arma del tipo utilizzato dai tedeschi durante la Seconda guerra mondiale, detenuta senza autorizzazione.  

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Droga e un'arma in casa, aveva chiamato lui il 112 per un furto: in cella

LeccePrima è in caricamento