Cronaca Via Magistrato Cosimo Mariano

Cruenta rapina in una tabaccheria: due feriti, poi sparano contro un'auto

Un avventore e il figlio dei titolari della rivendita di Copertino, in via Cosimo Mariano, feriti con il calcio del fucile. I malviventi erano in tre, hanno fatto irruzione armati. Sono fuggiti a piedi dopo aver saccheggiato soldi e sigarette. I malcapitati trasportati in ospedale

I rilievi della scientifica (foto di Antonio Quarta).

COPERTINO – Botte da orbi e pozze di sangue sul pavimento. E dopo pure tre spari a bruciapelo, esplosi nel tentativo di assicurarsi un'auto. Una scena raccapricciante quella di fronte alla quale si sono trovati i primi soccorritori nel locale preso di mira, la tabaccheria “Zizzari” di Copertino, in via Cosimo Mariano. I malviventi, tre in tutto, erano armati e non hanno esitato a usare la forza bruta pur di arraffare i soldi dell’incasso serale insieme a parte della merce esposta.

Dopo, hanno anche rischiato di ferire il proprietario di una Golf Volkswagen, un giovane ha ricevuto come "regalo" natalizio un foro di proiettile sulla parte posteriore destra dell'auto. Uno di loro, infatti, ha premuto il grilletto tre volte, due verso terra, poi addirttura sulla carrozzeria. Ma alla fine sono dovuti comunque scappare a piedi.

Nervosi e senza scrupoli, per fortuna non hanno esploso colpi d'arma da fuoco anche all’interno della tabaccheria, ma un fucile è stato usato comunque per pestare i malcapitati all’altezza di un occhio e sulla testa, usando il calcio come fosse una mazza. A farne le spese, un avventore e il figlio dei titolari della rivendita, che sorge proprio accanto alla chiesa del Rosario. Una volta fuori, poi, vere e proprie scene da Far West. Arrivati in via Po, a circa 200 metri da via Mariano, hanno visto un 27enne che stava entrando nel garage con la sua auto ed hanno sparato. 

La serata dell’Immacolata ha rischiato di trasformarsi in una tragedia, perché percosse assestate con più forza, avrebbero potuto provocare anche maggiori danni alle vittime, così come i proiettili ferire qualcuno di rimbalzo. Nella rivendita di via Cosimo Mariano, peraltro, le rapine non sono nuove. Il locale ne subì una nell’agosto del 2010 e una seconda, più di recente, nell’aprile del 2013, che però a novembre dello stesso anno portò anche a un arresto. Ma mai si era arrivati a una simile ferocia.

Erano circa le 20,30 quando i tre, con i volti travisati, hanno fatto irruzione. Pare sia bastato un abbozzo di reazione per scatenare la loro rabbia. Una volta messi “al tappeto” cliente e giovane al bancone (soprattutto il primo, ha perso diverso sangue) sono riusciti a scappare con i soldi, sigarette e biglietti delle lotterie istantanee, alcuni peraltro caduti durante il tragitto. Un bottino che deve ancora essere quantificato con precisione. I tre sono si sono allontanati a piedi, nelle vie laterali. Il tentativo di sottrarre l'auto è andato a vuoto e alla fine hanno continuato di corsa anche perché, nei secondi che scorrevano rapidi, correvano sempre più il rischio d'imbattersi in qualche pattuglia. 

Diversi i passanti che si sono fermati quando hanno visto il trambusto e sentito le urla. E subito sono partite le telefonate ai numeri d’emergenza. Sul posto, in breve, sono arrivati i carabinieri della tenenza copertinese e del Norm della compagnia di Gallipoli, ma anche i sanitari del 118. I due feriti sono stati trasportati presso l’ospedale locale, il “San Giuseppe”. Le condizioni non sono gravi.

In via Cosimo Mariano è arrivata poco dopo anche la Sezione investigazioni scientifiche da Lecce per i rilievi. La tabaccheria è dotata di videocamere di sorveglianza, che torneranno utili alle indagini. Il sospetto, fra le altre cose, è che gli autori possano essere persone del posto. Gli accertamenti sono in corso e vanno avanti con una certa frenesia. Proprio mentre si stavano svolgendo i rilievi, infatti, è stato fermato un giovane e condotto in caserma. Ascoltato, è stato però rilasciato poco dopo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cruenta rapina in una tabaccheria: due feriti, poi sparano contro un'auto

LeccePrima è in caricamento