Lunedì, 14 Giugno 2021
Cronaca Via Cutrofiano

"Marmotta esplosiva": salta il bancomat e i ladri fuggono con i soldi

L'assalto a Corigliano d'Otranto, presso la filiale della BancApulia. Il bottino si aggira fra i 30 e i 40mila euro. I malviventi sono arrivati sul posto prima delle 3 di notte. Acquisite le videocamere di sorveglianza

Il bancomat sventrato.

CORIGLIANO D’OTRANTO – Una settimana dopo l’assalto fallito a San Donato di Lecce ai danni di una sede della Banca popolare pugliese, ancora una volta una banda di ladri ha puntato contro una postazione bancomat. E questa volta è toccato a una filiale della BancApulia. Teatro della vicenda, Corigliano d’Otranto, in via Cutrofiano. E la “missione” nel frangente è andata a termine, per i malviventi, che sono riusciti a impossessarsi di un bottino cospicuo. La somma precisa ancora non si conosce, ma la cassetta era stata caricata di recente di banconote e dovrebbe aver contenuto, al momento dell’assalto, fra i 30 e i 40mila euro.

La "marmotta esplosiva"

La tecnica impiegata, quella solita, della “marmotta esplosiva”, un micidiale ordigno artigianale, spesso fabbricato usando un tubo con un terminale sul quale viene collocata la polvere pirica. L’oggetto viene infilato nella fessura del bancomat, provocando una deflagrazione. Ed è quanto accaduto nella notte poco prima delle 3. Lo sportello automatico s’è squarciato e i ladri sono riusciti a estrarre la cassetta blindata con i soldi. L’avranno poi aperta dopo la fuga, in un luogo appartato.

Videocamere poco nitide

Quattro sembra che siano stati ad agire, arrivando e fuggendo con un'Audi A6 grigia, stando a testimonianze. I carabinieri della stazione locale e della compagnia di Maglie, che stanno indagando, hanno acquisito i filmati di videosorveglianza. Le telecamere, però, sono puntate direttamente sullo sportello e non offrono, quindi, una panoramica. Per di più, le immagini sono di bassa qualità.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Marmotta esplosiva": salta il bancomat e i ladri fuggono con i soldi

LeccePrima è in caricamento