Sabato, 25 Settembre 2021
Cronaca Galatina

"Correggere la planimetria dei parcheggi a pagamento"

Lo chiede il rappresentante de "La destra" galatinese al commissario prefettizio, sulla base di una sentenza del giudice di pace rispetto alla riclassificazione di alcune aree di sosta a pagamento

GALATINA - Una sentenza del giudice di pace di Galatina, la numero 1712 del 24 settembre scorso, ha bocciato la riclassificazione di alcune aree di sosta libera in sosta a pagamento, ossia quelle dotate di strisce blu, sul territorio, con riferimento in modo particolare al caso di via Principessa Mafalda.

Secondo quanto stabilito nella sentenza, si è ribadita la necessità di predisporre un'area di parcheggio esente da pedaggio in prossimità di una zona con sosta a pagamento, secondo quanto indicato dalla Corte costituzionale, in Sezioni Unite, con sentenza numero 116 del 9 gennaio 2007. Via Principessa Mafalda rientrerebbe a pieno titolo nella casistica, motivo per cui il giudice di pace ha ritenuto opportuno annullare il verbale che ne aveva modificato la condizione. Il ricorso era stato presentato dalla sezione locale de "La Destra", per iniziativa del proprio delegato, Piero Luigi Russo.

Alla base delle sentenza favorevole, quest'ultimo ha interpellato il commissario prefettizio di Galatina, Alberto Capuano, affinché riveda "nell'ambito della propria sfera di competenze", le determinazioni comunali che hanno portato a riclassificare in parcheggi a pagamento alcune zone di sosta libera in prossimità della villetta San Francesco, e chiedendo un "solerte intervento teso a rivedere e correggere, nel rispetto delle linee guida della Corte costituzionale e della sentenza del Giudice di pace, l'attuale planimetria dei parcheggi a pagamento e contestualmente aumentarne le zone libere su tutto il territorio comunale in generale e in particolare nella zona di cui alla sentenza".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Correggere la planimetria dei parcheggi a pagamento"

LeccePrima è in caricamento