Cosparso di escrementi e bruciato con le sigarette a 3 anni se si opponeva alle molestie: otto anni al padre e allo zio

Emesso il verdetto nel processo abbreviato ai due uomini accusati di violenza sessuale. Gli episodi si sarebbero verificati in casa dal novembre 2015 al novembre 2017

LECCE - Costretto a subire violenze sessuali dal padre e dallo zio e, nel caso in cui si fosse ribellato alle loro depravazioni, sarebbe stato preso a calci, pugni, sculacciate, e ancora bruciato con le sigarette, cosparso di fango, escrementi e saliva. E’ questo il racconto raccapricciante di un bambino fatto alla sua mamma e finito, dopo la denuncia della donna, all’attenzione della magistratura.

Il finale della storia, iniziata quando il piccolo aveva tre anni, lo ha scritto ieri il giudice Cinzia Vergine che ha condannato il genitore a otto anni e il fratello a otto anni e quattro mesi di reclusione, imponendo il risarcimento del danno, in separata sede, alla parte civile (rappresentata dall’avvocato Roberto Tarantino).

Il pubblico ministero Maria Rosaria Micucci, titolare del fascicolo (e adesso alla Procura generale) aveva chiesto rispettivamente nove e dieci anni.

Secondo l’inchiesta, le violenze si sarebbero verificate dal novembre 2015 al novembre 2017, in casa dei nonni o nel vicino casolare di famiglia, quando il bambino, dopo la separazione dei genitori, veniva affidato al padre.

Il primo ad essere iscritto sul registro degli indagati fu lo zio, finito poi sott’accusa anche per il reato di produzione di materiale pedopornografico perché gli investigatori trovarono nel suo cellulare foto del nipote nudo.

La sentenza è stata emessa al termine del processo discusso col rito abbreviato e non appena saranno note le motivazioni (entro novanta giorni), gli avvocati difensori Francesco Calabro e Francesco Spagnolo, valuteranno il ricorso in appello.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolto con il furgone, amputata parte della gamba destra del 38enne

  • La lite degenera: spunta pistola a salve, investito con violenza con l’auto

  • Debito di droga si trasforma in incubo: lo minacciano davanti al nipote, tre in manette

  • Favori in cambio di sesso, viagra e battute di caccia, chiesti 12 anni e mezzo per l’ex pm

  • Freddato a 22 anni con un colpo di pistola alla testa, inflitti due ergastoli

  • Ubriaca alla guida colpisce auto, poi si ribalta: illesa una 21enne

Torna su
LeccePrima è in caricamento