Cronaca

Costituzione italiana: una delle quattro Carte originali donata all’Università

La famiglia del ministro guardasigilli salentino Giuseppe Grassi, ha già donato, lo scorso febbraio, la biblioteca privata dello statista: 7mila e 556 volumi

La Biblioteca di Scienze giuridiche.

LECCE – Uno dei quattro preziosissimi originali della Costituzione italiana sarà donato e materialmente consegnato il prossimo 29 novembre, alle 15,30, nell’aula magna del Dipartimento di Scienze giuridiche dell’Università del Salento alla presenza del presidente della Corte costituzionale, Giorgio Lattanzi.  L’evento, di portata nazionale, è stato reso possibile grazie alla generosità della famiglia Grassi che, lo scorso febbraio, ha donato al Dipartimento di Scienze giuridiche e al Centro studi giuridici “Michele De Pietro” l’intera biblioteca privata dello statista salentino: 7mila e 556 volumi, testi antichi di natura giuridica, letteraria, scientifica, medica, storico-geografica di grande valore.

Tra essi anche uno dei quattro esemplari originali della Costituzione italiana. Il ministro della Giustizia Giuseppe Grassi fu infatti – assieme ad Alcide De Gasperi, Umberto Terracini ed Enrico De Nicola – uno dei firmatari della nostra Carta costituzionale. L’evento cade proprio nell’anno in cui la Costituzione italiana compie settant’anni; lo stesso anniversario lo celebra la Corte d’appello salentina.  

A siglare, lo scorso febbraio, l’atto notarile di donazione furono Fabio Grassi, nipote dello statista, l’avvocato Pasquale Corleto, presidente del Centro studi “De Pietro” e la direttrice del Dipartimento, Manolita Francesca. Alla cerimonia di consegna dell’Esemplare Grassi seguiranno i lavori del convegno su “Attuazione e attualità della Costituzione”, la cui organizzazione si è avvalsa di un comitato scientifico composto dai docenti Giulio De Simone, Pier Luigi Portaluri, Vincenzo Tondi Della Mura.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Costituzione italiana: una delle quattro Carte originali donata all’Università

LeccePrima è in caricamento