"Costretti a chiudere le finestre per le esalazioni": preoccupazione a Veglie

Un gruppo di cittadini chiede l'intervento delle istituzioni segnalando presunti roghi di materiali di plastica durante la notte. "La scena si ripete ciclicamente"

Foto di repertorio: vigili del fuoco

VEGLIE – Un odore acre, come di plastica bruciata, sembra aggredire i cittadini di Veglie durante le ore notturne o alle prime luci dell'alba. Il disagio, stando alla denuncia formulata da un gruppo di persone, si ripeterebbe ciclicamente, specialmente in estate.

“A causa delle esalazioni nauseabonde e irritanti per le prime vie aeree”, gli abitanti sarebbero costretti a chiudersi in casa, sigillando bene le finestre, nonostante il caldo. Questo scrivono, nero su bianco, in una lettera raccomandata indirizzata al prefetto di Lecce, al sindaco di Veglie e al comandante della locale stazione dei carabinieri.

L'ultimo episodio in ordine di tempo pare essersi verificato nella notte a cavallo tra il 10 e l'11 agosto (non settembre, ndr). Stesso episodio, identica scena: l'odore sembrerebbe provenire da un punto imprecisato, a volte da nord, altre volte da sud, e gli abitanti sarebbero costretti a prendere precauzioni per evitare di inalare questi fumi che vengono attribuiti alla combustione di oggetti di plastica.

Roghi potenzialmente abusivi: questo è ciò che temono loro. I cittadini affermano di aver provato più volte a segnalare il disagio a chi di competenza, ma il problema non sarebbe stato in alcun modo risolto. “Intuiamo uno sconforto e una rassegnazione generale riguardo a questi episodi – scrivono nella lettera -. Cosa sta succedendo? Chi brucia materiali in modo irregolare? Non siamo più nelle condizioni di avere un adeguato controllo del territorio?”. Una domanda campeggia su tutte: “Ogni cittadino è ormai libero di inquinare, magari convinto che di notte nessuno lo possa vedere?”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I cittadini chiedono alle istituzioni di non lasciarli soli e si dicono preoccupati per gli effetti potenzialmente tossici di questi presunti roghi che, a loro dire, “potrebbero disperdere nell'aria pericolose diossine”. “Questo è un problema da non sottovalutare – ammoniscono loro -. Chiediamo una maggiore attenzione per poter salvaguardare la salute e la legalità sul nostro territorio”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo colpo al business della droga a Melissano: all’alba 23 in manette

  • Puglia, positivo il 13 per cento dei tamponi. Un cluster a Castrignano de' Greci

  • Cosparso di escrementi e bruciato con le sigarette a 3 anni se si opponeva alle molestie: otto anni al padre e allo zio

  • Notte di terrore: entrano in casa in quattro, uomo bloccato e rapinato

  • Il lusso targato Renè de Picciotto: dal lido di Savelletri alla terrazza pensile di Lecce

  • Muro abbattuto da braccio della betoniera, investiti studenti: muore in ospedale 22enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento